Accoglienza e integrazione dei rifugiati ucraina: la voce degli operatori sociali

Eurodiaconia, network che raggruppa 58 organizzazioni sociali legate alle chiese protestanti in Europa (e di cui è parte la Diaconia valdese), ha pubblicato un report su punti di forza e criticità nella gestione dei flussi dall’Ucraina in guerra

Eurodiaconia ha pubblicato ieri il rapporto sull’accoglienza e l’integrazione dei rifugiati provenienti dall’Ucraina, evidenziando il punto di vista dei fornitori di servizi sociali non profit. Il rapporto è stato presentato in occasione di un evento organizzato presso l’ufficio di Eurodiaconia a Bruxelles, che ha messo in luce il lavoro dei membri nell’assistere l’integrazione dei rifugiati dall’Ucraina, le sfide che devono affrontare e le lezioni apprese per una più ampia politica migratoria.
Eurodiaconia è una rete europea di chiese e Ong cristiane che forniscono servizi sociali e sanitari e sostengono la giustizia sociale. Insieme, i membri rappresentano le esigenze e le esperienze uniche di 58 organizzazioni nazionali e regionali in 32 Paesi. Fra loro la Diaconia valdese, braccio sociale della Chiesa valdese.
Il rapporto si basa sulla vasta esperienza sul campo dei vari membri – fornitori di servizi sociali senza scopo di lucro che sono attori chiave nel fornire accesso ai servizi sociali, all’istruzione, all’alloggio e al mercato del lavoro di rifugiati e migranti e, dopo l’invasione russa dell’Ucraina, beneficiari di protezione temporanea.
La possibilità di accedere rapidamente all’occupazione, alle prestazioni sociali e ad altri diritti sociali grazie alla direttiva sulla protezione temporanea (TDP) è stata un successo clamoroso. Tuttavia, i vari membri  di Eurodiaconia hanno notato un’attuazione disomogenea tra i diversi Stati, il che ha un impatto diretto sul godimento dei diritti degli sfollati ucraini. Inoltre, si legge nel comunicato reso noto ieri 28 novembre «i nostri membri hanno evidenziato la mancanza di un approccio a lungo termine necessario per soddisfare le esigenze degli sfollati ucraini. Il protrarsi della guerra in Ucraina evidenzia la necessità di alloggi sostenibili a lungo termine e di case popolari, che rappresentavano un problema anche prima della guerra. Allo stesso modo, è necessario sviluppare un’assistenza a lungo termine per l’accesso al lavoro, con misure specifiche per aumentare la qualità dei servizi di assistenza all’infanzia e affrontare barriere come la lingua e il riconoscimento delle qualifiche. L’accesso al sostegno psicologico sia per i rifugiati che per il personale e i volontari che lavorano con i rifugiati è un’altra necessità cruciale sottolineata dai nostri membri».
I membri di Eurodiaconia hanno anche espresso preoccupazione per il pericoloso precedente che l’approccio a due livelli nei confronti dei beneficiari di protezione temporanea e degli altri rifugiati ha stabilito, creando di fatto diversi livelli di diritti umani e sociali. Suggeriscono che gli sviluppi positivi associati alla DPT dovrebbero essere portati avanti nella più ampia politica di asilo dell’Unione europea, come il diritto di accedere alle prestazioni sociali, all’istruzione, all’accesso al mercato del lavoro, all’assistenza sanitaria e alla libera circolazione.
Sebbene gli Stati membri dell’UE abbiano dimostrato una forza ammirevole nella loro risposta umanitaria, sono ancora necessari una forte risposta politica a lungo termine per l’integrazione e finanziamenti sostenibili per i fornitori di servizi. «Per i nostri membri, si legge ancora, che da tempo esprimono la necessità di maggiori investimenti nella protezione sociale, compresi i servizi di integrazione, le recenti crisi, come la pandemia COVID e l’afflusso di rifugiati dall’Ucraina, dimostrano che questi servizi necessitano di investimenti e priorità politiche molto prima che la crisi inevitabilmente colpisca.
Sulla base dei nostri risultati e delle consultazioni condotte con i nostri membri, includiamo raccomandazioni concrete per i responsabili politici nazionali e dell’UE al fine di ottenere un’applicazione armonizzata della DPT, portare avanti gli insegnamenti tratti da una più ampia politica di asilo e migrazione e fornire finanziamenti trasparenti, accessibili e orientati alla società».
Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook