Bambino di 5 anni dona giocattoli in ospedale dopo aver sconfitto il cancro

USA – Un bambino di 5 anni ha donato migliaia di giocattoli per bambini ammalati di cancro, nello stesso ospedale, dove era stato ricoverato.

Nel 2016 al piccolo Weston Newswanger era stato diagnosticato un rabdomiosarcoma, un tumore maligno dei tessuti molli che si sviluppa dalle cellule dei muscoli striati.

Oggi, a distanza di due anni dagli ultimi trattamenti cui si era sottoposto, presso l’ospedale pediatrico Penn State di Hershey City, in Pennsylvania, il bambino è sano come un pesce.

“Il potere della preghiera è incredibile, ci ha aiutato a superare il cancro”, ha dichiarato la madre del ragazzo, Amy Newswanger, alla CBN News.

Il 26 settembre Weston ha compiuto 5 anni, ma voleva festeggiare il giorno del suo compleanno in modo speciale.

“Gli ho chiesto cosa voleva per il suo compleanno e la sua risposta è stata: Non ho bisogno di niente per me. Voglio l’argilla da modellare e i dinosauri da donare ai bambini in ospedale”, ha detto Amy in un post di Facebook.

Ha iniziato, così, a raccogliere i giocattoli da donare all’ospedale; Weston gioiva di più nel dare i regali che nel riceverli, infatti, per ogni scatola di giocattoli che gli arrivano, per farle recapitare ai bambini dell’ospedale, era sempre un’emozione. “Weston era eccitato quando riceveva un pacchetto da aggiungere alla quantità di giocattoli da donare”, ha detto Amy.

I giocattoli sono stati donati allo stesso ospedale pediatrico, dove Weston era stato curato. L’atto di gentilezza ha portato alla raccolta di 1.263 unità di plastilina, 1.249 dinosauri, 71 supereroi con e altri svariati giocattoli.

Inoltre, il personale pediatrico di Child Life ha raccolto e distribuito oltre 3.000 unità di plastilina.

Amy ringrazia tutti quelli che hanno contribuito a far pervenire i giocattoli per il compleanno di Weston, ma ritiene che questo sia solo l’inizio. “Dio ha grandi piani e grandi progetti per lui. Non è ancora finita”, ha aggiunto.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook