Burger King prende in giro il ristorante “cristiano” perché chiude la domenica

Burger King, ha deriso la catena di fast food Chick-fil-A, per aver chiuso la domenica per permettere che il suo staff andasse in chiesa, il che ha generato varie reazioni sui social network.

Burger King ha pubblicato un messaggio sul suo account Twitter che ha preso di mira la catena di ristoranti Chick-fil-A e persino anche con la canzoncina col tema di Chick-fil-A di Kanye, “Chiuso domenica”, che è stata lanciata lo stesso giorno.

I ristoranti Chick-fil-A sono chiusi la domenica da quando il fondatore Truett Cathy ha aperto il suo primo ristorante nel 1946. “Avendo lavorato sette giorni alla settimana in ristoranti aperti 24 ore su 24, Truett ha ritenuto importante chiudere la domenica in modo che lui ei suoi collaboratori potessero godere di un giorno di riposo e per adorare Dio, se lo desiderano, una pratica che noi manteniamo anche oggi, “dice Chick-fil- A sul suo sito web.

 I principali commenti di Burger King su Twitter sono stati per la maggior parte a difesa  di Chick-fil-A.

Chick-fil-A è la terza più grande catena di fast food negli Stati Uniti . Nelle vendite, si trova davanti a Burger King, che è la sesta.

Il direttore esecutivo di Chick-fil-A, Dan Cathy, in precedenza aveva dichiarato che la società guadagnava lo stesso un reddito elevato chiudendo la domenica.

“Se permettiamo ai dipendenti di prendersi del tempo libero, vivere e respirare, entreranno con molto più entusiasmo lunedì e un po’ anche il martedì, mercoledì, giovedì, venerdì e sabato”, ha detto Cathy ad Atlanta. WSB-TV l’anno scorso.

“Chiudere di domenica non ci ha mai penalizzato domenica; anzi, ha funzionato molto bene per noi “, ha detto.

Ci auguriamo che anche in Italia alcuni imprenditori di buon senso, che si definiscono cristiani possano fare altrettanto, in modo che anche per i loro dipendenti la domenica diventi giorno di riposo e per adorare Dio, per chi lo desidera!

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook