Cina: Pastori sepolti vivi perché predicano Cristo!

Il pastore della chiesa di Beitou e sua moglie sono stati sepolti vivi nella città di Zhumadian, nella provincia di Henan, nella Cina centrale. Protestavano contro la demolizione della loro chiesa, che fu condannata dal Partito Comunista al potere. La denuncia proviene da China Aid.

Alcuni testimoni hanno riferito che le autorità cinesi hanno ordinato la distruzione del luogo di culto in cui il pastore Lì Jiangong e sua moglie, Ding Cuimei, hanno radunato la loro comunità.

Nei negoziati politici, i terreni della chiesa furono consegnati a un investitore locale. I bulldozer andarono nell’edificio mentre Lì e Ding cercavano di bloccare la loro avanzata. Si fermarono davanti alle ruspe, ma il pastore e sua moglie furono deliberatamente presi di petto e gettati insieme alle macerie in una fossa insieme. Quindi un escavatore ha coperto i loro corpi di detriti.

Il rapporto di China Aid afferma che: “Il pastore Li è riuscito a chiedere aiuto prima che avesse la peggio; è stato in grado liberarsi dalle macerie e scappare, ma la moglie Ding è stata soffocata prima che potessero salvarli”.

E stato riferito che i due ufficiali responsabili del crimine sono stati arrestati e sarebbero stati responsabili del crimine. Secondo l’organizzazione, uno dei membri della squadra di demolizione ha ordinato: “Seppelliscili vivi per me. Mi assumo la responsabilità delle loro vite”.

Bob Fu, presidente di China Aid, che ha denunciato il brutale crimine lamentava il brutale crimine ha chiesto di dare una giusta sepoltura alla sorella Ding Cuimei, una donna cristiana pacifica e fedele, vittima di un omicidio crudele.

Ancora una volta ha lanciato un appello ai governi di tutto il  mondo per condannare la mancanza di libertà religiosa sul suolo cinese.

La demolizione delle chiese è solo una parte della strategia di una grande ondata anti cristiana che ha preso il controllo della Cina negli ultimi anni. Perché la vera strategia è quella di annientare i cristiani dal paese.

Nell’ultimo anno si è assistito a un’escalation guidata dal Partito Comunista, portando a segno l’arresto di molti pastori e l’eliminazione forzata delle croci nei luoghi di culto. Tuttavia però, questo è il primo caso di morte pubblica registrata.

Il numero ufficiale di cristiani nel paese è sconosciuto, ma secondo gli studi, ci sono adesso circa 100 milioni di cristiani nel paese più popoloso del mondo. Alcuni studiosi ritengono che il numero potrebbe essere 3 volte superiore. A titolo di paragone, il Partito comunista cinese ha 86,7 milioni di membri, la maggior parte dei quali sono solo di facciata.

Questo può essere visto solo come il fallimento del regime, che dalla rivoluzione degli anni ’40 ha sempre sostenuto che il popolo cinese non dovrebbe credere in nessun dio. Nonostante le difficoltà e le persecuzioni, diversi leader cinesi hanno tenuto una conferenza, dove anni fa è stato lanciato un progetto impensabile: inviare 20.000 missionari cinesi in van paesi del mondo entro il 2030. Il pastore Daniel Jin, direttore della rivista China Mission Today, ha invitato la Chiesa cinese a “lavorare e pregare” per affrontare queste sfide missionarie nei prossimi anni.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook