Compassione e sensibilità sono due sentimenti fondamentali vitali per la nostra vita

Un bambino fu accompagnato al pronto soccorso di un ospedale. Chiesero alla persona che accompagnava il bambino di pagare la visita, ma l’uomo, non avendo contanti, informo’ che avrebbe fatto il pagamento l’indomani mattina di buon’ora.

L’infermiera chiese se potevano accettare, ugualmente il bambino, ma i direttori dell’ospedale non permisero di ricoverare il bambino e quindi di visitarlo purtroppo questo ne provocò il decesso.

Quando, subito dopo,il medico, fu chiamato per firmare il decesso del bambino, scoprì che si trattava di suo figlio.

💧💧💧💧💧💧💧💧

Questa storia, purtroppo lascia senza fiato, ma dovrebbe indurre a riflettere molto.

Purtroppo, molta gente si rifiuta di aiutare gli altri, se non riceve qualcosa in cambio. Quando si perde la sensibilità nella vita terrena, si perdono tante cose :soldi, reputazione e anche le persone che si amano.

La compassione e la sensibilità sono due sentimenti fondamentali e vitali per la nostra vita.

Gesù fu continuamente mosso dalla compassione, perché Lui sentiva tutti i dolori dell’Umanita su di Lui. I Suoi occhi si commuovevano davanti i dolori della gente, il Suo Grande cuore scoppiava di pietà per il dolore, che i Suoi occhi guardavano.

La Sua Interiorità veniva agitata dalla commiserazione, per quanti soffrivano davanti a Lui. Impariamo da Gesù, la vera compassione!
Dio ci benedica🙏
S. M.

E Gesù, vedendo le folle, ne ebbe compassione” (Matteo 9:36).

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook