Coronavirus, ultime dalla Cina: La commovente lettera di un pastore di Wuhan ai cristiani

Un pastore di Wuhan ha deciso di scrivere una lettera dopo aver ricevuto molte richieste da pastori stranieri e persone preoccupate per loro. Wuhan è nel mezzo dell’epidemia di coronavirus.

Tuttavia, il pastore di Wuhan ha scritto una lettera così potente piena di speranza e amore. L’ardente fede del pastore è chiaramente evidente. Le sue parole mostrano un uomo aggrappato alla parola di Dio nonostante la tragedia. È una lettera lunga ma commovente. E di conseguenza, migliaia sono stati incoraggiati e si sono uniti a loro in preghiera.

Il pastore ha inviato la lettera ai suoi fratelli e sorelle in Cristo, ecco cosa ha scritto:

“Fratelli e sorelle, la pace sia con voi.

In questi giorni la polmonite di Wuhan [dovuta al coronavirus] è stata al centro dei miei pensieri e della mia vita. Sto sempre guardando le ultime notizie e pensando sempre a come la nostra famiglia e la chiesa dovrebbero affrontare questo.

Per quanto riguarda la famiglia, ho raccolto maschere e generi alimentari e mi sono avventurato fuori di casa il meno possibile. Quando mi sono avventurato in pubblico, ho indossato una maschera, ma per il resto ho messo tutto nelle mani del Signore.

Per quanto riguarda la chiesa, la sicurezza della congregazione, un testimone fedele, la possibilità che i membri possano contrarre la malattia, è diventata una grande area di lotta. È sembrato subito evidente a tutti che stiamo affrontando una prova della nostra fede.

Fidarsi del Signore nella crisi di Wuhan

La situazione è così critica, eppure noi confidiamo nelle promesse del Signore, che i suoi pensieri verso di noi sono di pace, e non di male (Geremia 29:11), e che se permette un tempo di prove, non è per distruggerci, ma per stabilirci. Pertanto, i cristiani non devono solo soffrire con le persone di questa città, ma abbiamo la responsabilità di pregare per coloro che hanno paura in questa città e di portare loro la pace di Cristo.

In primo luogo, dobbiamo cercare la pace di Cristo che regni nei loro cuori (Ebrei 3:15). Cristo ci ha già dato la sua pace, ma la sua pace non è di allontanarci dal disastro e dalla morte, ma piuttosto di avere la pace in mezzo al disastro e alla morte, perché Cristo ha già superato queste cose (Giovanni 14:27, 16:33). Altrimenti non abbiamo creduto nel vangelo della pace (Efesini 6:15) e, con il mondo, saremmo terrorizzati dalla pestilenza e perderemmo la speranza di fronte alla morte.

Il principe della pace a Wuhan

Perché solo i cristiani hanno questa pace? A causa del peccato, gli umani soffrono le prove e le tribolazioni che li colpiscono, La Parola dice: i malvagi non hanno pace (Isaia 48:22). Eravamo tutti peccatori ma Cristo, a causa della fede, ha preso la nostra pena e ci ha dato la sua pace. Pertanto Paolo dice, chi può presentare una denuncia contro gli eletti di Dio? È Dio che giustifica. (Romani 8:33). I cristiani possono affrontare il mondo con le stesse tribolazioni ma tali tribolazioni non sono più una punizione, ma una nuova opportunità per avvicinarsi all’Onnipotente, per proclamare il Vangelo.

Avvicinarsi all’amore di Dio

E, come credeva fermamente Paolo, “chi ci separerà dall’amore di Cristo? Tribolazione, angoscia, persecuzione, carestia, nudità, pericolo o spada…? In tutte queste cose siamo più che conquistatori attraverso colui che ci ama. Perché sono sicuro che né la morte né la vita, né gli angeli né i governanti, né le cose presenti né le cose a venire, né i poteri, né l’altezza o la profondità, né qualsiasi altra cosa in tutta la creazione, saranno in grado di separarci dall’amore di Dio in Cristo Gesù, nostro Signore” (Romani 8: 35-39).

Allo stato attuale, la pestilenza di Wuhan non può separarci dall’amore di Cristo; quest’amore è nel nostro Signore Gesù Cristo. Queste parole ci sono di grande conforto, siamo già diventati un solo corpo con Cristo. Abbiamo una parte nelle sue sofferenze e abbiamo una parte nella sua gloria, tutto ciò che Cristo è nostro e il nostro tutto è Cristo. Pertanto, Cristo è con noi mentre affrontiamo la pestilenza in questa città; la pestilenza non può farci del male. Se moriamo nella pestilenza, è un’opportunità per testimoniare Cristo, e ancora di più per entrare nella sua gloria.

Sii forte in mezzo alla tribolazione

Perciò, fratelli e sorelle, v’incoraggio a essere forti nell’amore di Cristo. Se sperimentiamo più profondamente la morte in questa pestilenza, comprendendo il Vangelo, possiamo sperimentare più profondamente l’amore di Cristo e avvicinarci sempre più a Dio. Nostro Signore Gesù attraverso la fede sperimentò un’impareggiabile sofferenza della morte, eppure Dio lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra. (Atti 2: 32-36)

Se nel leggere queste verità non hai ancora pace, t’incoraggio a leggere diligentemente le Scritture sopra citate e invito il Signore a darti intuizione fino a quando la pace di Cristo regna nel tuo cuore. Devi sapere che questo non è solo un disastro osservabile, ma ancora di più è una lotta spirituale. Dovresti prima condurre una battaglia per il tuo cuore, e in secondo luogo combattere per l’anima di questa città.

Abramo e Giona della città di Wuhan

Se Dio, a causa di un uomo giusto trattene il giudizio su Sodoma, o a causa di 120.000 che non conoscevano la mano sinistra dalla destra, trattennero la distruzione, che dire della città di Wuhan in cui viviamo? Siamo chiaramente i giusti in questa città, molto più di una sola persona giusta ci sono migliaia e migliaia di noi. Eppure, possiamo desiderare che Lot sia rattristato da tutti quelli di questa città (2°Pietro 2:7) e come Abramo che ha pregato seriamente per Sodoma (Genesi 18: 23-33). Vedete, Giona con difficoltà proclamò il Vangelo a Ninive, e Ninive si pentì e fu salvata. Siamo Abramo e Giona di questa città. Dobbiamo pregare per la misericordia di Dio su questa città e portare la pace su questa città attraverso le nostre preghiere e testimonianze.

Credo che questo sia il comando di Dio che chiama quelli di noi che vivono a Wuhan. Dobbiamo cercare la pace per questa città, cercare la pace per coloro che sono affetti da questa malattia, cercare la pace per il personale medico che lotta in prima linea, cercare la pace per ogni funzionario governativo di ogni livello, cercare la pace per tutto il popolo di Wuhan! E attraverso le reti online possiamo guidare e confortare i nostri amici e persone care con il Vangelo, ricordando loro che le nostre vite non sono nelle nostre mani e affidare le loro vite a Dio che è fedele e vero.

Fissa gli occhi su Gesù

Negli ultimi giorni ho ricevuto molte richieste da pastori stranieri. Loro e l’intera chiesa sono preoccupati per questa città, ancora di più per noi; e affrontando questa epidemia, cerca di servire la città con noi.

Pertanto, chiedo loro in particolare di rivolgere gli occhi su Gesù. E non preoccuparti del mio benessere, né essere agitato o impaurito, ma prega nel nome di Gesù. Le persone di buon cuore sono attraverso le loro azioni al servizio di questa città, in particolare il personale medico che sta rischiando la propria vita. Se riescono ad assumersi tali responsabilità mondane, come possiamo non assumerci più prontamente responsabilità spirituali!”.

Quindi il pastore ha terminato la sua lettera chiedendo a tutti di unirsi a loro in preghiera.

“Se non senti la responsabilità di pregare, chiedi al Signore un’anima amorevole, un cuore sinceramente orante; se non piangi, chiedi al Signore lacrime. Perché sicuramente sappiamo che solo attraverso la speranza della misericordia del Signore questa città sarà salvata”.

Preghiamo per i nostri fratelli e sorelle in Cristo a Wuhan e tutte quelle sofferenze. Che Dio dia la sua forza e protezione ai medici che si prendono cura dei pazienti.

Christel Berns

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook