DIO CREO’ L’UOMO DALLA POLVERE…. LA SCIENZA CONFERMA

aed

aedNEL CORPO UMANO vi sono almeno 63 elementi chimici già esistenti in natura. Su una persona dal peso medio di 70 kg. è stato esaminato il seguente risultato: Ossigeno 65%, Carbonio 18%, Idrogeno 10%, Azoto 3%, Calcio 1,5%, Fosforo 1%, Potassio 0,35%, Zolfo 0,25%, Sodio 0,15%, Magnesio 0,05% e relative tracce di Rame, Zinco, Selenio, Ferro, Alluminio, Piombo, Arsenico, Fluoro, Silicio, ecc. Si stima inoltre che la massa corporea, si suddivida nelle seguenti percentuali, 65% Liquidi, 16% Proteine, 13% Lipidi, 5% Sali minerali, 1% Glucidi, Vitamine: tracce. Queste analisi chimiche, ci portano più vicini ad una verità biblica, nei cui versi della Genesi 2:7 ci viene indicato l’origine della natura umana: “DIO FORMO’ L’UOMO DALLA POLVERE”. Portandoci a constatare una realtà spesso dimenticata: “Noi siamo polvere” DIO ce lo dichiara nella SUA Parola e la Scienza ce lo conferma.

Naturalmente la materia, senza “l’alito di DIO” non sarebbe, mai divenuta “anima vivente”. Così, a differenza degli angeli creati da DIO, questi prendevano vita su di un corpo spirituale; l’uomo prendeva vita all’interno di un corpo materiale, tra spirito e materia mostrando un’entità di corpo-anima-spirito. L’anima è il nostro uomo interno (Corinti 4:16) il centro di ogni funzione materiale e spirituale che avviene nell’uomo; l’anima è il campo dove agisce il nostro libero arbitrio e dove parla la nostra coscienza. Il cammino dell’uomo con DIO, portava sviluppo ai progetti, che DIO aveva per la SUA creatura. All’uomo fu conferita autorità e signoria su tutta la terra (Genesi 1:26); a differenza degli angeli che venivano creati singolarmente, l’uomo ha la facoltà di trasferire la vita fisica, generando; per l’uomo, fu istituito il matrimonio e quindi la famiglia.

Da questo, possiamo intendere che i progetti di DIO, per l’uomo, erano lungimiranti e di eterne prospettive. Ma il peccato, fermò tutto. Fermò ogni progresso, e fermò i progetti che DIO stava sviluppando per l’uomo. Perché solo dopo questo drammatico evento, DIO pronunciò queste tristi parole: “RICORDATI CHE POLVERE SEI E POLVERE RITORNERAI” (Genesi 3:19) Questo fa capire che i progetti futuri ed eterni per l’uomo si erano fermati. L’inizio, della formazione dell’esistenza umana fu la polvere; il peccato fece tornare tutto come prima: POLVERE! TERRA!

Anche il predicatore dell’Ecclesiaste, pronunzia una tale sentenza: “Tutti sono fatti di polvere, e tutti ritornano alla polvere” (Eccl. 3:20). Dichiarando il ridursi del genere umano senza lo SPIRITO di DIO. Si, la terra che per lo SPIRITO di DIO diventa “anima vivente” ora senza tale SPIRITO, diventa una terra che produce solo triboli e dolori (Ebrei 6:8). Tutto questo è delineato dall’uomo senza DIO, dall’uomo privo del soffio di DIO. La generazione del “Diluvio” mostra tale metamorfosi, ridotta nella totale assenza di SPIRITO, quando DIO disse: “NON SONO ALTRO CHE CARNE” (Genesi 6:3) ovvero: nient’altro che polvere! nient’altro che elementi della terra! Purtroppo, DIO, aveva fatto una esatta analisi sull’uomo.

Re Davide, uomo secondo il cuore di DIO, dal momento che peccò, si rese conto di aver perso qualcosa di prezioso, qualcosa di vivente dentro lui. Quando si pentì, egli implorò: “Non togliere lo SPIRITO SANTO da me” e “Rendimi la gioia della TUA PRESENZA” (salmo 51:11-12) Aveva compreso, che il processo del peccato era progressivo e distruttivo, portando a perdere ogni lealtà, e divenendo corrotto e violento, come tutti gli altri; ora egli nella sua supplica chiedeva che l’alito di DIO, tornasse a ridare vita al suo cuore.

Quale scelta si porrà, dunque, nel cuore di ogni uomo? Stà scritto che: “Tutti coloro che scendono nella polvere, non possono tornare in vita” (salmo 22:29) Questo è il risultato del peccato, fa tornare nella polvere. Guardiamo in alto, perché solo DIO è l’Autore della vita, solo LUI, può restituire ciò che l’uomo ha perso; capovolgendo la condizione umana da polvere a FIGLI di DIO, per la SUA immensa Grazia in CRISTO GESU’, scrivendo, i nostri nomi nel cielo (Luca 10:20).

Davide Dilettoso 

notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook