“Dio farà una via, dove via non c’è”, queste parole mi davano la speranza!

487021_208140899319120_80912251_nVictoria con la sua testimonianza desidera ringraziare il Signore Gesù, per la certezza che ha messo nel suo cuore di sperare in Lui, in ogni prova e difficoltà della vita.

Sono originaria del Congo, appartengo ad una famiglia numerosa composta di otto figli. Nella mia giovane età ero una ragazza molto debole, vivevo con una sofferenza interiore che mi faceva stare male e non riuscivo a parlarne con nessuno. Non mi sentivo amata dalla mia famiglia e a causa di ciò assumevo medicinali per morire; tentai il suicidio più di una volta. Oltre a tutto ciò, mia mamma si rivolgeva ai maghi per ottenere la protezione dal male nella nostra casa.

Nel 1989 il Signor Gesù compì un’opera potente nella mia famiglia: già da sette anni mia sorella maggiore aveva conosciuto il Signore e pregava per la nostra conversione; in quell’anno, uno per volta, accettammo Gesù nella nostra vita. nostra mamma non si affidò più alla magia, ma ci invitava ad andare con lei in chiesa, così per la prima volta ascoltai la predicazione della Parola di Dio. Ricordo ancora queste parole: “Gesù ti ama e ti dice di lasciare la strada che stai percorrendo. Dai il tuo cuore a Lui”.

Da quel momento il Signore mi diede una vita nuova. Mi feci battezzare in un fiume vicino al mio paese natio, eravamo numerosi credenti ed è stato un giorno bellissimo perché Gesù mi battezzò anche con lo Spirito Santo. Provai una grande gioia, non facevo altro che testimoniare di Lui e parlavo a tutti di Gesù; desideravo solo che tutti lo conoscessero.

Trascorse qualche anno e arrivai in Italia, ma purtroppo mi ero allontanata dalla chiesa evangelica; nel frattempo mi ero sposata ed avevo avuto una figlia. Mi ritrovai ad affrontare una situazione difficile, allora mi ricordai del Signore: avevo bisogno del suo aiuto. Per un certo periodo frequentai la Chiesa Cattolica, poi i Testimoni di Geova, ma stavo male perché sapevo che non era la via giusta. Ricordavo quello che è scritto nella Bibbia e sapevo che ero nell’errore quindi decisi di non frequentare più le loro riunioni perché ero confusa. Nella mia cameretta pregavo e cercavo il Signore, gli chiedevo di trovare la sua chiesa.

Un giorno per strada mi fu offerto un opuscolo con il numero del Telefono Cristiano al quale mi potevo rivolgere per trovare un aiuto nei miei problemi. A casa lo infilai in un cassetto e solo dopo un po’ di tempo mi ricordai di esso, quando mi decisi a telefonare per chiedere aiuto. Mi rispose il pastore e dalle sue parole sentii l’amore del Signore, capii che avevo trovato la via giusta da seguire. Andai in chiesa e vidi persone lodare e pregare Dio; ero certa di essere nella casa del Signore.
Con l’aiuto di Gesù riuscivo ad affrontare le difficoltà, Lui aveva cominciato a trasformare il mio cuore e giorno per giorno mi rese forte confidando nel suo amore.

Grazie a Dio, successivamente acquistammo una casa, ma per vari problemi che erano sorti, rischiai di perdere tutto; non avevo la forza per superare anche quella prova. Il Signore mise nel mio cuore un cantico che dice: “Dio aprirà una via, dove sembra non ci sia…”, queste parole mi davano la speranza che Gesù mi avrebbe aiutato anche quella volta. Purtroppo il diavolo mette i dubbi e ci fa vedere i problemi più grandi di Dio, per questo non dormivo durante la notte, stavo male e mi rivolsi persino a un psicologo, ma senza trovare risposta.
Il Signore Gesù è più grande dello psicologo. Ogni giorno leggevo la Bibbia, così nel libro di Geremia trovai la risposta che diede pace al mio cuore: “Ecco, io sono l’Eterno, il DIO di ogni carne; c’è forse qualcosa troppo difficile per me?” (Geremia 32:27). Da quel momento riuscii a dormire di notte. Al lavoro tutti si meravigliavano della gioia che avevo nel Signore perché sapevano che stavo attraversando un periodo difficile. Ero certa che il Signore aveva già risolto il mio problema. Un giorno l’avvocato mi chiamò e mi disse: “Signora i suoi problemi sono stati risolti”. La prima cosa che feci fu ringraziare Dio nella mia cameretta perché solo Lui è potente di fare ogni cosa per noi.
Ho visto più volte la mano potente del Signore sui miei figli, come ogni volta li ha liberati da malattie e da spaventi. Lo ringrazio per i figli che mi ha donato e do la gloria solo a Lui.

Voglio incoraggiare ogni persona che ha dei problemi con le parole che Gesù ha detto nel vangelo di Matteo: “Venite a me, voi tutti che siete travagliati e aggravati, ed io vi darò riposo […] per le vostre anime” (Matteo 11:28,29). In ogni nostro problema aggrappiamoci a Lui con tutto il nostro cuore e la nostra anima e vedremo la sua mano all’opera in ogni nostro bisogno. Lo dico perché l’ho visto nella mia vita: senza Dio ero nulla, ero senza speranza, ora solo lui mi dà la pace, la gioia e l’amore com’è scritto: “Or la speranza non confonde, perché l’amore di Dio è stato sparso nei nostri cuori per mezzo dello Spirito Santo che ci è stato dato” (Romani 5:5).

notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook