Dio ha toccato il mio cuore rendendolo libero dal peso del peccato

Pace a tutti, mi chiamo Daniel e ho 24 anni, vi racconterò come Dio ha toccato il mio cuore rendendolo libero dal peso del peccato morendo un giorno per me sulla croce.

La mia famiglia non era credente e viveva una vita mondana fino a quando Gesù non è entrato nelle loro vite. Io ero all’inizio della mia adolescenza e non mi piaceva la loro scelta perché mi impediva di fare cose che pensavo fossero un divertimento e un piacere. Trascorrevo le mie giornate in strada in compagnia di “amici” tra droga, piccoli furti e atti vandalici; i nostri discorsi erano giustizia, amore, libertà ma non  conoscevamo  affatto il significato di queste parole e certo non eravamo l’esempio migliore. Quando tornavo a  casa provavo un forte disagio, pregavo  e mi promettevo di smettere ma non era semplice perché rifiutare di fare bravate era un’esclusione automatica dal gruppo: ero molto triste. Una sera, tornando a casa Gesù parlò al mio cuore e con poche e dolci parole mi disse: “seguimi  e nulla ti mancherà”.

Da li a poco mi diede la forza di abbandonare tutto ciò che facevo di sbagliato trasformando la mia vita. ”Dove c’è lo Spirito del Signore li c’è libertà”, queste  semplici ma profonde parole che si trovano nella Bibbia in 2^ Corinzi 3:17 hanno creato in me la fede in  Gesù. Iniziai a frequentare la chiesa evangelica e dopo pochi mesi il mio cuore e la mia anima traboccavano di gioia, fede e amore per Cristo Gesù così decisi di battezzarmi in acqua secondo l’insegnamento della Parola di Dio. Il Signore ha continuato la sua opera in me battezzandomi con il suo Santo Spirito che ha portato nel mio cuore consolazione e nuova forza ed è per tutti coloro che credono in Lui.

Ora trascorro il mio tempo libero testimoniando di Gesù  e sono felice.

A Dio sia la Gloria

Daniel | adirho.org

 

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook