Ecstasy e cannabis: così il 17enne muore dopo una festa

La polizia ha detto che il 17enne aveva assunto ecstasy e fumato spinelli prima del malore. È morto in ospedale.

Ancora una morte, ancora un minorenne. Ancora una volta, è colpa della droga. Fa pensare la morte di un adolescente, che ha “mescolato” ecstasy e cannabis durante un normale sabato sera.

Il ragazzo di 17 anni, morto a Manchester, ha assunto entrambe le sostanze durante un rave. È tornato a casa in condizioni pietose, ma non ha parlato con i suoi genitori, che si sono accorti delle sue condizioni solo al mattino dopo, quando era troppo tardi.

Queste tragedie si stanno moltiplicando non solo in Inghilterra ma in tutto il mondo. Le forze dell’ordine inglesi hanno diramato un allarme che si sta diffondendo in tutta l’Europa, per far sì di fermare il fenomeno alla base.

Stando a quanto dichiarato dalle forze dell’ordine congiunte, attualmente la droga più diffusa e pericolosa è l’Mdma (metilenediossimetanfetamina), ovvero l’ecstasy. Prima di prendere la pasticca, già pericolosa di per se, il ragazzo aveva anche fumato.

L’effetto si è moltiplicato. E per finire, a quanto pare avrebbe anche bevuto. La reazione agli stupefacenti varia da individuo a individuo e per ora non è dato sapere se il ragazzo ne facesse un uso regolare. Vocecontrocorrente.it

Consapevolezza

Sai quando ci rendiamo conto di essere schiavi? Quando non si può più dire e fare oggi io smetto! C’è chi è schiavo della droga, del gioco d’azzardo, dell’alcol, della sessualità disordinata, ma Dio sia lodato perché tramite il sacrificio di Gesù e la fede in Lui possiamo essere pienamente liberati, perché “Dio, che è ricco in misericordia, per il grande amore con cui ci ha amati, anche quando eravamo morti nei peccati, ci ha vivificati con Cristo (è per grazia che siete stati salvati)” (Efesini 2:4, 5).

In conclusione e prima di [concludere di leggere quest’articolo], chiediti: “Come vivo? Sono stato liberato dal peccato?” Se scopri di non essere davvero padrone della tua vita, di non essere libero e leggero davanti a Dio, allora invocaLo in questo istante, chiedendo aiuto e liberazione. Se invece hai la libertà dei figli di Dio, sia questa un’altra occasione per ringraziare Gesù per la grazia che abbiamo in Lui.

Notizie Cristiane 

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook