Erica va in arresto cardiaco e partorisce con cesareo

Quanto accaduto a Erica Nigrelli, giovane insegnante di Missouri City (nel Missouri), ha dell’incredibile. La donna era incinta di 8 mesi quando, durante una lezione a scuola, ha accusato un malore ed è svenuta. Gli studenti si sono messi ad urlare attirando l’attenzione di due colleghe di Erica, le quali hanno subito provveduto a praticarle un massaggio cardiaco. Nel contempo uno degli studenti ha avvisato il marito di Erica, Nathan, e l’infermiera dell’istituto, la quale ha subito preso il defibrillatore, salvando la vita all’insegnante.

Giunti i soccorsi, Erica è stata portata in ospedale, ma durante il tragitto il suo cuore ha smesso di battere. I medici hanno allora deciso di praticarle un cesareo d’urgenza per salvare la bambina nel suo grembo. Quando l’operazione si è conclusa ed Elayna (questo il nome scelto per la bimba) ha cominciato ad urlare, Erica si è svegliata di colpo, come se il richiamo della maternità l’avesse destata dal sonno in cui si trovava.

La malattia congenita di Erica e il miracoloso ritorno alla vita

Ritornata alla vita Erica ha scoperto che il suo malore era stato causato da una cardiomiopatia ipertrofica, si tratta di una malattia congenita al cuore che può anche non causare nessun problema, ma che deve essere tenuta sotto controllo per evitare che si presentino casi come quello che ha quasi ucciso la mamma del Missouri. A salvarle la vita è stato sicuramente il primo soccorso delle colleghe che sono state insignite con un premio dal sindaco della città americana.

Intervistata dalla ‘CNN‘, Erica dice di ricordare poco o niente: “Sono semplicemente caduta a terra e passata oltre, poi ho sentito i medici che mi dicevano: ‘Questa è sua figlia’ e l’ho vista”. Il marito Nathan racconta il panico di quando aprendo la porta ha visto la morte distesa per terra, quindi spiega: “C’erano due vite in ballo in quel momento”. Adesso, superato il panico e conclusasi la vicenda per il meglio, tutti e tre vivono felicemente l’arrivo della piccola Elayna.

Luca Scapatello

Fonte