Esiste davvero un élite che ha un controllo sugli affari mondiali?

Il solo menzionare oggi l’esistenza di cospirazioni per cambiare il corso degli eventi mondiali al servizio di ambiziose élite, il minimo che si possa dire è che lascia perplessi e increduli molti lettori. Altri sono pronti ad accusare chi ne parla di essere fanatici cospirazionisti e persino malati di mente. In realtà l’ambizione di pochi di dominare il mondo è una realtà ricorrente nella storia che sicuramente finisce sempre, grazie a Dio, in modo fallimentare, non prima, però, di aver prodotto danni immani. Il seguente articolo di Philip Wren, pubblicato dalla rivista evangelica Heart, è una piccola rassegna della questione.

Negli anni ’70, grazie all’incoraggiamento di un amico di famiglia negli Stati Uniti, riuscii a rintracciare una copia di un libro di un professore universitario. Normalmente non sarebbe stato difficile, ma le copie rimanenti di questo libro venivano attivamente rimosse dalla circolazione e le copie nelle biblioteche e nelle università venivano distrutte. Perché la necessità di distruggere il libro di un accademico?

Tragedia e speranza

Perché ‘Tragedia e speranza – una storia del mondo ai nostri tempi’ del Prof Carroll Quigley, è un’ammissione audace e vanagloriosa che esiste effettivamente un piccolo ma potente gruppo che è riuscito ad acquisire una presa soffocante sugli affari praticamente dell’intero razza umana. Il libro di Quigley non era il lavoro di un teorico della cospirazione. La sua importanza risiedeva nel fatto che proveniva da una persona che affermava di essere un insider e sosteneva gli obiettivi dell’élite. Infatti, l’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, che aveva studiato con Quigley mentre era alla Georgetown University, aveva detto due volte durante le sue campagne elettorali che Quigley era stata la principale influenza sul suo approccio alla politica. Quigley, un socialista, credeva nei benefici del mondo governato da un’élite. Voleva che la gente del mondo si fidasse di questi uomini che operano segretamente dietro le quinte. Se seguiamo i piani dell’élite, diceva, entreremo in un millennio di pace e prosperità creato dall’uomo. Ai suoi occhi erano benevoli e ben intenzionati e, come tali, la speranza del mondo. Tutti coloro che hanno resistito a loro hanno continuato la tragedia del mondo moderno, da cui il titolo del libro. Credeva che se seguissimo i piani dell’élite, entreremo in un millennio di pace e prosperità creato dall’uomo.

John Ruskin

Quigley attribuì la divulgazione del concetto di élite globale a John Ruskin (1819-1900). Ruskin, figlio di un ricco commerciante di vino, studiò a Oxford e in seguito divenne il suo Slade Professor of Fine Art. Ma gli interessi di Ruskin erano molto più ampi dell’arte. Come Karl Marx, Engels e altri, trasse la maggior parte delle sue idee dalla Repubblica di Platone, scritta nel 380 aC. Affermava di leggere Platone quasi ogni giorno. Così Ruskin assorbì la teoria di Platone secondo cui alcuni uomini erano nati superiori ad altri e che una società perfetta dovrebbe consistere di appena tre classi di persone.

Questi sono il filosofo sovrano, i militari e i produttori. Il ruolo dei militari è mantenere i produttori sottomessi ai governanti (o “guardiani”) che, secondo Platone, esistono per il bene della comunità nel suo insieme. Platone credeva nell’eliminazione del matrimonio e della famiglia. Tutte le donne appartengono a tutti gli uomini e tutti gli uomini appartengono a tutte le donne. I bambini dovrebbero essere rilevati dal governo e cresciuti in modo anonimo dallo stato. Ci dovrebbe essere l’allevamento selettivo di uomini e donne sotto il controllo del governo. I bambini considerati inferiori o disabili dovrebbero essere eliminati. La proprietà privata dovrebbe essere eliminata. L’energia intellettuale doveva essere dedicata alla determinazione di ciò che è bene per le masse delle classi inferiori. Attraverso l’indottrinamento, le persone avrebbero imparato ad accettare i rispettivi ruoli.

Secondo Quigley, Ruskin ha colpito Oxford come un terremoto. Ruskin insegnò alla classe dirigente d’Inghilterra che avrebbero dovuto usare il loro potere e la loro influenza per diffondere queste idee nel mondo. In effetti stava dicendo che coloro che erano diventati ricchi attraverso il capitalismo dovrebbero ora introdurre un nuovo ordine, un ordine che avremmo riconosciuto come comunismo.

Cecil Rhodes

Uno dei discepoli di Ruskin era Cecil Rhodes. Rhodes aveva accumulato un’enorme fortuna nelle miniere d’oro e di diamanti sudafricane che ha usato per promuovere le idee di Ruskin. Il suo scopo era quello di federare il mondo anglofono e portare il resto del mondo abitabile sotto il suo controllo. A Rhodes si unirono molti altri importanti uomini istruiti a Oxbridge. Avevano formato società in tutto il mondo di lingua inglese sotto la bandiera dei gruppi della “Tavola Rotonda”. La filiale inglese è il Royal Institute of International Affairs (noto come Chatham House). La filiale degli Stati Uniti è il Council of Foreign Relations. Queste società hanno avuto e hanno tuttora una notevole influenza sulla politica estera nazionale.

I membri dei gruppi della Tavola Rotonda erano tutti discepoli di Ruskin. Credevano che il futuro del mondo risiedesse nel federarlo secondo le linee socialiste. Pertanto tutta la proprietà, l’industria, l’agricoltura, le comunicazioni, i trasporti, l’istruzione e gli affari politici dovrebbero essere concentrati nelle mani di un’élite, che organizzerebbe il mondo in un modo che costringesse tutti a fare ciò che era buono per il nuovo ordine mondiale.

Sfruttano sempre le crisi

Le parole “Non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata”, sono state attribuite a diverse persone. I governi riconoscono che una crisi consente di apportare cambiamenti che non sarebbero mai stati tollerati prima della crisi. È diventato un metodo con cui una popolazione può essere persuasa ad accettare misure impopolari.  Funziona creando prima un problema, reale o immaginario. Quindi pubblicizzi il problema per convincere le persone che qualcosa deve essere fatto. Viene quindi fornita una soluzione con il risultato che il cambiamento è determinato.

Abbiamo visto nell’attuale pandemia di Covid-19 come la paura, sia per la sicurezza personale o di danneggiare gli altri, ha permesso al governo di introdurre misure che limitano la libertà personale in una misura che sarebbe stata inimmaginabile un anno prima.

Un nuovo ordine mondiale

Quindi l’idea che ci sia un’élite che complotta per stabilire un governo globale sulla falsariga della Repubblica di Platone e introdurre un “nuovo ordine mondiale” è solo un’altra teoria del complotto?

Ci sono ammissioni sorprendentemente aperte. Parlando alla cena degli ambasciatori delle Nazioni Unite il 23 settembre 1994, David Rockefeller ha detto: “Siamo sull’orlo di una trasformazione globale. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è la giusta grande crisi e le nazioni accetteranno il nuovo ordine mondiale”.

Come Quigley, David Rockefeller sentiva che era giusto essere aperti. Nella sua autobiografia (‘Memoirs’, 2002) scrisse a p. 405: “Alcuni credono addirittura che noi (la famiglia Rockefeller) facciamo parte di una cabala segreta che lavora contro i migliori interessi degli Stati Uniti, caratterizzando me e la mia famiglia come ‘internazionalisti’ e di cospirare con altri in tutto il mondo per costruire una struttura politica ed economica globale più integrata – un mondo, se vuoi. Se questa è l’accusa, mi dichiaro colpevole e ne sono orgoglioso”.

Ce ne sono molti altri con influenza che potrebbero essere citati come convinti che un “nuovo ordine mondiale” sia l’unica soluzione ai problemi che l’umanità deve affrontare.

Il gruppo Bilderberg

L’idea di una élite guida continua ancora oggi con gruppi come il Bilderberg. La prima conferenza Bilderberg si tenne nel maggio 1954 all’Hotel de Bilderberg nei Paesi Bassi, alla presenza di circa 150 politici, banchieri, monarchi ed esperti dell’industria, della finanza, dei media e del mondo accademico. Nasce come forum in cui coloro che influenzano le politiche nazionali possono discutere, senza impegno, problemi comuni. La conferenza di tre giorni è stata avviata dal principe Bernhard dei Paesi Bassi ed è diventata un raduno annuale delle figure più potenti del mondo fino ad oggi.

Nessun giornalista è autorizzato a partecipare e ai delegati è vietato rivelare gli argomenti discussi. Tutto il personale dell’hotel prescelto viene sottoposto a controlli di sicurezza e polizia armata o soldati pattugliano i terreni per assicurarsi che nessuno entri. Tale segretezza ha portato a molti sospetti che vengano prese decisioni che hanno un impatto sugli eventi mondiali.

Nel 2000, il politico britannico Denis Healey, che era stato coinvolto nel Bilderberg per decenni, disse al Guardian: “Dire che stavamo lottando per un governo unico mondiale è esagerato, ma non del tutto ingiusto. Quelli di noi nel Bilderberg sentivano che non potevamo continuare a combattere per sempre l’un l’altro per niente, uccidere persone e rendere milioni senzatetto. Quindi abbiamo pensato che un’unica comunità in tutto il mondo sarebbe stata una buona cosa”.

“L’esperimento sociale in Cina sotto la guida del presidente Mao è uno dei più importanti e di successo nella storia umana” – David Rockefeller

Questo suona come un gruppo di vecchi seduti attorno a un tavolo che sta mettendo il mondo a posto. Ma un’altra citazione di David Rockefeller su Mao Tse Tung, pubblicata sul New York Times il 10 agosto 1973, è più sinistra: “Qualunque sia il prezzo della rivoluzione cinese, è ovviamente riuscita non solo a produrre un’amministrazione più efficiente e dedicata, ma anche nel promuovere il morale alto e la comunità di intenti. L’esperimento sociale in Cina sotto la guida del presidente Mao è uno dei più importanti e di successo nella storia umana “.

Vogliamo davvero che il mondo sia governato da uomini che pensano che lo sterminio di massa di milioni di persone sotto il comunismo di Mao sia un successo?

Il World Economic Forum

Per contrastare i sospetti sul Bilderberg, è stato fondato uno spin-off: il World Economic Forum (WEF), che tiene la sua riunione annuale a Davos, in Svizzera.

Gli incontri annuali del WEF hanno circa 3.000 partecipanti provenienti da oltre 100 nazioni. Le conferenze sono state avviate dall’ex membro del comitato direttivo del Bilderberg, il prof. Klaus Schwab. Il WEF è più aperto, con i giornalisti ammessi e i temi della conferenza annunciati in anticipo.

È il presidente del WEF, Klaus Schwab, che ha il merito di aver coniato le frasi “La quarta rivoluzione industriale” e “Il grande ripristino” (The Great Reset).

Klaus Schwab e la quarta rivoluzione industriale

La prima rivoluzione industriale iniziò in Inghilterra nel XVIII secolo. La potenza del vapore ha portato alla meccanizzazione delle industrie artigianali.

La seconda rivoluzione industriale è iniziata alla fine del XIX secolo. È definito dalla scoperta dell’elettricità e della produzione in catena di montaggio.

La terza rivoluzione industriale è iniziata negli anni ’70 con l’introduzione dell’automazione parziale, dei controlli programmabili con memoria e dei primi computer.

Secondo il WEF: “Siamo sull’orlo di una quarta rivoluzione che cambierà radicalmente il modo in cui viviamo, lavoriamo e ci relazioniamo gli uni con gli altri. Per dimensioni, portata e complessità, la trasformazione sarà diversa da qualsiasi cosa l’umanità abbia mai sperimentato prima”.

Questa rivoluzione sarà guidata dalla tecnologia emergente, scoperte in campi come l’intelligenza artificiale, la robotica, l’Internet delle cose, i veicoli autonomi, la stampa 3D, la nanotecnologia, la biotecnologia, la scienza dei materiali, lo stoccaggio di energia e il calcolo quantistico.

Il grande ripristino

Nel suo libro ‘Covid-19 – The Great Reset’, Schwab afferma: “Siamo a un bivio, una strada ci porterà a un mondo migliore: più inclusivo, più equo e più rispettoso di Madre Natura. L’altro ci porterà in un mondo che assomiglia a quello che ci siamo appena lasciati alle spalle, ma peggiore e costantemente perseguitato da brutte sorprese. Dobbiamo quindi farlo bene. Le sfide incombenti potrebbero essere più consequenziali di quanto abbiamo finora scelto di immaginare, ma la nostra capacità di resettare potrebbe anche essere maggiore di quanto avessimo osato sperare in precedenza”.

Più avanti nel libro dice: “Detto nei termini più semplici possibili: se, come esseri umani, non collaboriamo per affrontare le nostre sfide esistenziali (l’ambiente e la caduta libera della governance globale, tra gli altri), siamo condannati”.

Perché il termine “caduta libera”? Da un punto di vista globalista, i movimenti populisti come Trump e Brexit sono un fallimento in quello che considerano il buon governo.

Schwab crede che se questo pianeta deve sopravvivere deve esserci un cambiamento. Il WEF presenta il Great Reset come un ambizioso piano di salvataggio per superare gli enormi problemi causati dal Covid-19 e consentire al mondo di affrontare il cambiamento climatico. Presenta una visione di un futuro “sostenibile”. Ma per realizzare questo futuro, tutte le forme di attività umana saranno attentamente monitorate e controllate per il bene del pianeta.

“Oggi gli americani sarebbero indignati se le truppe delle Nazioni Unite entrassero a Los Angeles per ristabilire l’ordine; domani te ne saranno grati! Ciò è particolarmente vero se è stato detto loro che c’era una minaccia esterna dall’esterno, reale o promulgata, che minacciava la nostra stessa esistenza. È allora che tutti i popoli del mondo si impegneranno con i leader mondiali a liberarli da questo male. L’unica cosa che ogni uomo teme è l’ignoto. Quando viene presentato questo scenario, i diritti individuali saranno ceduti volontariamente per la garanzia del loro benessere concesso loro dal loro governo mondiale “– Henry Kissinger

Ricostruisci meglio

Viaggiare durante la pandemia COVID-19, passaporto con biglietto aereo, test negativo covid-19, maschera medica e aereo su sfondo grigio, concetto di controllo di sicurezza e salute della sicurezza aeroportuale

Una frase in voga per tutto questo, usata da coloro che sono dalla parte, è “ricostruire meglio”. Covid-19 è una crisi che servirà per cambiare il mondo. Sarà un mondo in cui il business sarà strettamente controllato per garantire che lavori verso gli obiettivi sociali e ambientali del governo.

Gli investimenti nell’industria e nei progetti governativi saranno mirati al raggiungimento degli obiettivi condivisi di uguaglianza e sostenibilità. Mi aspetto che uno dei costi di questa visione sarà la penalizzazione degli individui che si discostano dal bene pubblico percepito.

Dalla mia lettura di “Covid-19: the Great Reset”, penso che Schwab stia presentando una serie di sfide lanciate dal mondo moderno che ai suoi occhi includono il cambiamento climatico e il debito paralizzante. Riconosce che l’intelligenza artificiale, la nanotecnologia e il trans-umanesimo (tra le altre innovazioni) sono alle porte.

Quindi ciò che viene imposto non sono le tecnologie ma la soluzione globalista alle crisi, alcune delle quali sono reali, alcune percepite e alcune fabbricate. Ma se avessi letto tutti i libri di Schwab potrei essere più allarmista.

https://www.tempodiriforma.it/wp/esiste-davvero-unelite-che-ha-un-controllo-significativo-sugli-affari-globali/

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook