“Gesù appare a molti musulmani” lo afferma un Evangelista in Medio Oriente

Un missionario americano in Medio Oriente afferma che molti musulmani conoscono Gesù attraverso esperienze personali con il Salvatore.

Victor Marx, prestava servizio nell’esercito degli Stati Uniti prima di diventare un missionario dedito a trasportare il Vangelo attraverso luoghi a maggioranza musulmana. Il suo ministero, All Things Possible, va dove nessuno vuole andare: viaggia in segreto per incontrare i principali leader musulmani e le famiglie dei militanti dello Stato Islamico dell’ISIS per portare l’evangelo.

“Voglio che i cristiani capiscano che non dobbiamo essere d’accordo con l’Islam perché neanche io sono d’accordo”, ha detto Marx a Charisma News. “La via della salvezza di Dio è una relazione attraverso Gesù Cristo. Ma il nostro primo obiettivo è quello di mostrare alle persone bisognose, in particolare donne e bambini che sono stati colpiti dal terrorismo, l’amore del Signore”.

Marx ha vissuto un’infanzia e un’adolescenza difficile legata a burrascosi e tragici rapporti con la sua famiglia. “Sono stato abusato da bambino e sono rimasto molto deluso da alcuni aspetti del cristianesimo e della chiesa”, ha detto.

Quando si è unito al Corpo dei Marines, Marx ha rivolto la sua rabbia verso gli arabi, ma un giorno Dio ha cambiato il suo cuore. “La verità è che ho smesso di odiare gli arabi e i musulmani e ho iniziato ad amarli “, ha detto.

Insieme a sua moglie Eileen, Marx ha visitato un campo altamente protetto in Siria, dove mogli e figli dei membri dell’ISIS chiamano casa. Dice che in quel luogo “gli uomini vengono fatti prigionieri e mogli e i bambini non possono essere liberati”.

Lui e il suo team hanno visitato questi campi apparentemente per pura curiosità; non voleva destare sospetti. Alla domanda sul perché, Marx ha dichiarato: “Non siamo lì per convertire i musulmani. Questo è il lavoro dello Spirito Santo”.

Alcuni cristiani possono interpretarlo come vigliaccheria ma Marx ha gradualmente guadagnato la fiducia dei leader islamici, permettendogli di entrare in luoghi inaccessibili al Vangelo.

Lo stesso Signore Gesù appare a molti musulmani “, ha detto Marx. “Alcuni rispettano Gesù come un profeta, e sappiamo che possiamo essere d’accordo con questo. Poi sta a noi cristiani portare questa loro riflessione a una fase successiva, perché Gesù è il Figlio di Dio che ci offre vita eterna attraverso la sua morte e risurrezione”.

Marx non è l’unico cristiano nella zona. Il ministro di lode della chiesa Betel. Sean Feucht concorda sul fatto che l’espansione dello Stato islamico ha permesso al suo ministero, Light a Candl, di evangelizzare persone che non hanno mai ascoltato il Vangelo.

L’approccio di Feucht è quello di usare la musica per cambiare l’atmosfera, attraverso un alito di vita e portare lo Spirito Santo nei luoghi più bui. “Le canzoni raggiungono luoghi dove avvolte i sermoni, non possono andare”, ha detto Feucht.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook