Giovane battezzato nella stessa chiesa che aveva distrutto mesi fa: “Dio mi ha cambiato”

Un uomo che distrusse i beni di una chiesa battista è stato battezzato dopo essersi pentito e aver scelto di dare la vita a Cristo.

Brenton Winn, sotto effetto di droga, entrò nella Conway Central Baptist Church in Arkansas e distrusse mobili e strumenti per un valore di oltre 100 mila dollari. Sei mesi dopo, il pastore di quel Ministero l’ha battezzò nel luogo del crimine.

“Quando ho iniziato a capire l’onnipotenza di Dio, mi sono reso conto che quella notte non avevo scelto la chiesa. Dio mi aveva scelto”, ha detto Winn a Baptist Press.

Brenton, 23 anni, è cresciuto in una casa cristiana, ma sin da adolescente era diventato dipendente dalle droghe. “Dall’età di 16 anni a pochi mesi fa, la mia vita non era altro che caos e fallimenti” disse il giovane.

Ma il ragazzo non si rese conto che la crisi d’astinenza di droga l’aveva portato a entrare in chiesa, e a distruggere tutto quello che incontrava, oggetti, computer portatili, macchine fotografiche e altri dispositivi elettronici.

Anche se l’incidente ha segnato perdite ingenti in chiesa, il pastore Don Chandler ha deciso lo stesso di mostrare compassione e ha parlato con il procuratore responsabile dell’arresto del giovane. “Non si può predicare qualcosa per 50 anni senza esercitarsi, soprattutto di fronte a tutta la chiesa”, ha detto il pastore.

“Se non gli avessimo mostrato grazia, tutto ciò che abbiamo predicato, sarebbe stato vano. Era la cosa giusta, questo non era un criminale incallito. Era un giovane che aveva commesso degli errori e poteva essere salvato” ha aggiunto il pastore.

Nelle settimane seguenti, il pastore Chandler, il procuratore e l’avvocato di Brenton hanno discusso il modo migliore per aiutare il giovane. Il giudice nel caso in questione ha indicato due scelte: Brenton poteva andare in prigione per 20 anni o trattare la sua dipendenza in una casa di recupero cristiana. Scelse la seconda possibilità.

Brenton si arrese a Cristo durante gli studi biblici nella casa di recupero e decise di essere battezzato nella chiesa battista durante uno dei culti.

“Ho dato il mio cuore a Cristo quella notte”. Brenton “Ho pensato che fosse una coincidenza entrare in chiesa quella notte, ma era per testimoniare che Dio è reale ed è vivente, ha cambiato la mia vita e ha risposto alle mie preghiere”, ha detto il giovane.

Pietro Proietto

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook