Gli occhi della fede!

Vi siete mai chiesti come vedono la vita le persone che seguono l’andazzo di questo mondo? Loro vedono, e anch’io vedevo una volta, come quando indossi quegli occhiali per guardare un film in 3D.

In pratica attraverso questi occhiali, si vede una finta realtà. Addirittura sembra che quello che vedi lo puoi quasi toccare con le mani, che è proprio lì vicino a te, ma in effetti è tutto un inganno delle lenti. Ti fa vedere la realtà delle cose che non sono attraverso una lenta falsa. Satana, ha distribuito occhiali tridimensionali spirituali in tutto il mondo a persone di ogni ceto sociale; di ogni cultura, di ogni razza, di ogni età, di ogni lingua e di ogni religione. A persone depresse, malati, ricchi, poveri, ladri, truffatori… insomma li ha offerti ad ogni uomo e donna che si son proposti di portarli con cura, anche fino alla morte. Si, c’è un mondo di persone illuse da false speranze, da falsi sogni, da false religioni, da false realtà, che il diavolo ha venduto inconsapevolmente e non. Alla fine le persone che seguono sogni futili, resteranno tutti con un pugno di mosche tra le loro mani. Il mondo balla, canta, suona, danza e si diverte nelle lussurie e nei piaceri carnali. Ma è un mondo che ha paura; un mondo che soffre, che ha gli occhi che guardano fisso nel vuoto della insicurezza, e nonostante tutto, invece di cercar riparo nell’unico essere che gli può garantire pace e sicurezza, Dio, lo bestemmiano. Eppure Dio ci ha avvisati contro le paure, le ansie, le disgrazie e le tragedie che sarebbero avvenute nei nostri giorni . “Voi udrete parlare di guerre e di rumori di guerre; guardate di non turbarvi, infatti bisogna che questo avvenga, ma non sarà ancora la fine. Perché insorgerà nazione contro nazione e regno contro regno; ci saranno carestie e terremoti in vari luoghi; ma tutto questo non sarà che principio di dolori”( Matteo 24:6-9). Poco tempo fa, vi ricorderete tutti del ponte Riccardo Morandi di Genova, dove ci fu quella terribile tragedia. L’Italia sembrava avvilita per quella grave disgrazia; ma contemporaneamente, le stesse persone che sembravano sofferenti non vedevano l’ora che arrivasse il giorno dopo per celebrare il ferragosto; avevano voglia di dimenticare tutto e presto, fra balli, musica, fumo, barili di birra e liquori. Questo perché cercano di esorcizzare la paura della morte, che è insita in ogni uomo.

Ricordo dei conoscenti, persone avanti con l’età, economicamente stavano più che bene, erano possidenti; il marito viveva con gran paura che potesse accadere qualche disgrazia. Quando la sera vedeva il telegiornale, era impressionato da qualsiasi sciagura, tanto che convinse la moglie a restare a casa fino alla fine dei loro giorni. La paura della morte non abbandona gli uomini e le donne lontane da Dio, che si divertano o che si chiudano in quattro mura. Dio ha aperto a chi lo ha riconosciuto come il Salvatore della sua anima gli occhi della fede. Quegli occhi che son stati chiusi fino al momento della conversione. Quella conversione che ti lascia il cuore nella pace. Quando i Siri erano sulle colline numerosissimi pronti per far guerra ad Israele, il servo di Elia fu preso da un gran spavento tanto da svegliare il profeta. Il profeta Elia innalzò una preghiera a Dio affinché anche al suo servo potesse aprire gli occhi e vedere cosa che non vedeva senza gli occhi della fede. “SIGNORE, ti prego, aprigli gli occhi, perché veda!’ E il SIGNORE aprì gli occhi del servo, che vide ad un tratto il monte pieno di cavalli e di carri di fuoco intorno a Eliseo” (II Re 6:17). Eliseo sapeva ma dormiva placidamente, come dormiva placidamente anche Pietro quando era in carcere e lo dovevano giustiziarlo. Beati solo coloro che abbandonano ai piedi di Dio ogni loro peso. Noi cristiani non siamo delle persone incoscienti, ma ci rendiamo conto che nulla possiamo senza il Signore! Il Signore ci ha dato una visone giusta per il nostro cammino. Ha dato ad ogni Suo figliolo una vista della vita proprio come la vede Lui. A volte realmente mi impietosisco vedendo le azioni cieche che il mondo, anche quello civile, quello garbato, quello moderato, compie con tanta ignoranza (nonostante la cultura) verso i propri simili e verso Dio stesso. Bisogna che ogni uomo si converta a Dio, lasci la sua vita inutile; perché senza il Signore ogni vita umana perde la sua utilità. Per quanti soldi e ricchezze puoi avere, per quando bella e attraente puoi apparire; per quanta notorietà puoi avere; nel cinema, nello sport, nella cultura insomma in ogni cosa se sei senza Dio la tua vita è un completo fallimento. Hai bisogno che Dio ti tolga gli occhiali che Satana ti ha donato per farti sembrare la vita troppo bella per non viverla nella consacrazione a Dio. Ti ha dato dei sogni che ti portano da nessuna parte, solo all’inferno, e lascia che Dio apra i tuoi occhi della fede. Allora si che la tua vita avrà un senso. Quando vedrai la Via della Verità Gesù Cristo. E non un mare di sogni inutili. Dio ci benedica!

Ferrentino Francesco La Manna | Notiziecristiane.com
https://www.facebook.com/storiedifedevissute.blogspot.it