Gli Usa tagliano i finanziamenti alla rete di ospedali di Gerusalemme Est

La Federazione mondiale luterana (Flm) deplora la decisione dell’amministrazione statunitense, riportata da diverse agenzie di stampa, di tagliare i fondi alla rete dei sei ospedali di Gerusalemme Est, tra i quali rientra l’Augusta Victoria Hospital (AVH), istituzione della Federazione luterana mondiale.

Secondo quanto riportato dalla portavoce del Dipartimento di Stato del Paese, Alessia Dinkel il 7 settembre scorso, gli Stati Uniti sospenderanno circa 25 milioni di dollari di finanziamenti destinati ai 6 ospedali di Gerusalemme Est, che forniscono trattamenti come terapie per il cancro e operazioni chirurgiche ai palestinesi che non hanno accesso all’assistenza medica, ad esempio in Cisgiordania o nella Striscia di Gaza.

Nel marzo 2018, il Congresso degli Stati Uniti ha approvato il Taylor Force Act per rafforzare le restrizioni sugli aiuti all’Autorità palestinese in stanziamenti annuali, ma era stata fatta una specifica esenzione per proteggere i finanziamenti ai sei ospedali di Gerusalemme Est. Tale taglio ora metterà in seria crisi le strutture ospedaliere.

Nella sua prima reazione, il pastore Martin Junge, segretario generale della Federazione luterana mondiale, ha dichiarato: «Il finanziamento alla rete dell’Ospedale di Gerusalemme Est è fondamentale per assicurare un trattamento continuo e salvavita ai pazienti della Cisgiordania e di Gaza. Chiediamo all’Amministrazione degli Stati Uniti e al Congresso degli Stati Uniti, nello spirito dell’esenzione introdotta nel Taylor Force Act, e alla comunità internazionale di affrontare urgentemente questa situazione critica per garantire che i trattamenti salvavita possano essere garantiti senza interruzioni».

«Gli Stati Uniti – ha proseguito il past. Junge – hanno fatto un investimento significativo nel consentire l’assistenza medica al popolo palestinese attraverso l’Augusta Victoria Hospital. Abbiamo un forte sostegno da parte delle chiese e del popolo degli Stati Uniti. Collettivamente, continueremo a lavorare con forza per riguadagnare il sostegno del governo degli Stati Uniti».

L’Augusta Victoria Hospital è un centro di eccellenza medica a Gerusalemme Est, al servizio dei circa 5 milioni di palestinesi della Cisgiordania e di Gaza. L’ospedale, che offre cure specialistiche tra cui la radioterapia per pazienti oncologici e l’emodialisi pediatrica, è accreditato dalla Joint Commission International per la sua eccellente qualità.

Photo: LWF/ B. Gray

di Redazione | Riforma.it