I giocatori di rugby si rifiutano di indossare magliette LGBT a causa delle loro convinzioni cristiane Tomado del siguiente enlace

Dopo la ferma decisione degli atleti di non indossare magliette con colori gay in una partita , l’allenatore ha dichiarato: “Questi giovani sono forti nelle loro convinzioni e convinzioni e noi li sosterremo”.
Il rugby, uno sport estremamente popolare in Australia e giocato da uomini e donne, ha fatto notizia dopo che sette giocatori di club si sono rifiutati di indossare una maglia a sostegno dell’inclusione LGBTQ.
Gli atleti di Manly Sea Eagles hanno abbandonato una partita della National Rugby League (NRL) citando credenze culturali e religiose.
La maglia ha strisce arcobaleno e un colletto arcobaleno, invece delle normali parti bianche, che il club può indossare in una partita contro i Sydney Roosters.
Des Hasler, allenatore dei Sea Eagles, ha dichiarato martedì (26) di rispettare la decisione degli atleti in base alle loro convinzioni personali.
“I giocatori non giocheranno giovedì e accettiamo la loro decisione”, ha detto Hasler. “Questi giovani sono forti nelle loro convinzioni e convinzioni e daremo loro lo spazio e il supporto di cui hanno bisogno”.
“Il gruppo dei giocatori è solido e comprende i punti di vista degli altri. Come società, giovedì sera indosseremo la maglia”, sull’aderenza del resto degli atleti.
L’allenatore si è scusato per le conseguenze derivate dalla mancata consultazione preventiva del club con i giocatori.
Rispetto per la decisione
Il presidente della Australian Rugby League Commission Peter V’landys ha anche affermato di aver compreso le scelte dei giocatori , basate su differenze religiose e culturali, ma ha spinto per l’inclusione e l’accettazione nello sport.
“Qualcosa di cui sono orgoglioso nel rugby league è che trattiamo tutti allo stesso modo”, ha detto V’landys. “Non importa il tuo colore, orientamento sessuale o razza. Siamo tutti uguali.”
“Non faremo mai un passo indietro nell’avere il nostro sport inclusivo. Ma allo stesso tempo non mancheremo di rispetto alla libertà dei nostri giocatori ”.
I Sea Eagles sono al nono posto nella NRL, un posto sotto i Roosters. Le prime otto squadre si qualificano ai playoff.
Manly era l’unico club che progettava di indossare una maglia dell’orgoglio in questo round.
Il boicottaggio della maglia ha dominato la copertura della NRL dopo essere stato riportato dal Daily Telegraph di Sydney lunedì, con critiche sia al boicottaggio che alla mancanza di consultazione del club con i giocatori.
Il giornale ha detto che i giocatori non sapevano che avrebbero dovuto indossare la maglia fino a quando non l’hanno mostrata ai media.
La stessa decisione è già stata presa da giocatori di altri sport, rifiutandosi di indossare magliette con pubblicità o messaggi che contrastano con le loro convinzioni.

Accade Christian.Net

Tomado del siguiente enlace: https://www.acontecercristiano.net/2022/07/jugadores-de-rugby-se-niegan-usar-camisetas-lgbt.html

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook