Il Corpo Direttivo dei testimoni di Geova tra sete di potere e di denaro

Chi è il Corpo Direttivo della Watch Tower? È la massima autorità mondiale dei testimoni di Geova; l’organo che sovrintende alle attività dell’organizzazione religiosa in tutte le nazioni dove sono attualmente presenti, oltre 200 Paesi. Sono un numero ristretto, di solito non superano mai la dozzina di membri, e hanno tra le mani un enorme potere sulla vita degli oltre 8 milioni di fedeli presenti nel mondo.

Sono loro che controllano la distribuzione planetaria dei libri e delle riviste, che interpretano le dottrine bibliche, che comprano o vendono strutture e immobili, che controllano l’andamento delle vendite delle pubblicazioni, che incassano i guadagni che ne derivano, che nominano i dirigenti dei ranghi inferiori, che trattengono rapporti con le autorità mondane. Sono loro, insomma, che rappresentano il potere assoluto dei testimoni di Geova; l’autorità riconosciuta dai fedeli di tutto il mondo come vicari di Cristo in terra. Questa posizione di preminenza all’interno dell’organizzazione spiega il motivo per cui i membri del Corpo Direttivo non mettano mai in dubbio le dottrine che divulgano e i principi che impongono: per non perdere il potere che hanno e i privilegi che ne derivano.

La loro pretesa di essere l’unico canale di Dio sulla terra nasconde una motivazione molto meno spirituale e molto più materiale. I membri del Corpo Direttivo, infatti, conducono una vita di gran lunga superiore a quelle di un semplice testimone di Geova che deve lavorare per un modesto stipendio. Loro vivono una vita libera da preoccupazioni economiche; alloggiano in ville lussuose, viaggiano in business class, godono di servizi che richiederebbe uno stipendio molto alto per una persona normale. Basti pensare che una volta un membro del Corpo Direttivo spese 800 dollari solo per comprare 12 bottiglie di alcolici, quando con quella somma ci paghi parte della giornata di lavoro di un operaio. Il fattore economico, però, non è l’unica ragione che muove il Corpo Direttivo. C’è di più e di peggio.

C’è quella cosa che accomuna tutti gli esseri umani: l’ebbrezza del potere e questo potere dipende dal fatto che restino dove sono, altrimenti perderebbero tutto e tornerebbero a essere persone normali, magari senza lavoro, senza stipendio e senza autorità. Su questo non sono molto diversi dai farisei dei giorni di Gesù: anche loro erano attratti dall’amore per il denaro, per l’autorità, per l’acclamazione e per il potere. Prestigio, preminenza e potere possono esercitare un’attrazione molto forte sulle persone, soprattutto quando queste persone, al di fuori del mondo dove vivono, sarebbe dei perfetti signor nessuno.

Non c’è dubbio che essere un membro del Corpo Direttivo permetta di sentirsi importante e di emergere dalla mediocrità della vita di tutti i giorni. Sentirsi ricchi e potenti è una forza che accomuna un normale testimone di Geova che diventa Anziano di una semplice congregazione, figuriamoci uno che viene nominato membro del Corpo Direttivo. Certo, via via che si scalano i gradini dell’organizzazione si diventa sempre più consapevole della natura molto mondana della stessa, visto che si ha accesso a una maggiore mole di informazioni rispetto a un modesto testimone di Geova che rappresenta l’ultima ruota del carro. Ma rischia di perdere tutto se dovesse mettersi in una posizione critica verso la Watch Tower. I membri del Corpo Direttivo probabilmente non stanno fuorviando gli altri in modo volontario; sono anche loro vittime di un sistema che si è venuto a creare e che spinge ad adeguarsi o a essere espulsi. Sono pienamente coscienti delle luci e delle ombre nella storia dell’Organizzazione e dei danni che ha causato e che sta causando ai fedeli. Basti pensare agli innumerevoli casi di pedofilia venuti a galla e accuratamente occultati. Ma loro devono gioco forza difendere la loro organizzazione se vogliono restare dove sono e non essere defenestrati, perdendo ciò che hanno conquistato in decenni di militanza in una religione che mai, come negli ultimi anni, sta mostrando di essere molto umana e davvero poco divina.

Mario Barbato

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook