Il corteggiamento biblico: in cosa è diverso da quello moderno

Cerchi un percorso completamente contro culturale per il matrimonio? Ecco come applicare la Parola di Dio al corteggiamento, trovare un coniuge e sposarsi.

Il sistema che i giovani uomini e le giovani donne di oggi hanno ereditato per trovare e sposare un coniuge lascia molto a desiderare. Spesso sentiamo lamentele per la confusione, il dolore e il peccato sessuale che molti hanno incontrato nonostante le loro migliori intenzioni. Sono in tanti a voler sapere come si può conoscere qualcuno e sposarsi senza essere feriti e senza compromettere la loro fede.

Noi abbiamo offerto una serie di risorse e di consigli di esperti che hanno messo in pratica i principi biblici in questo campo. Alcuni messaggi che abbiamo evidenziato sostengono che i cristiani possono applicare la loro fede in modo tale da poter ancora lavorare seguendo il sistema classico che gli è stato trasmesso. Altri messaggi hanno sottolineato che i cristiani devono essere molto più contro culturali. Joshua Harris, per esempio, ha promosso un modello di corteggiamento che si rifà a un modello largamente utilizzato e che è antecedente all’attuale tendenza al frequentarsi.

Tuttavia, le persone che cercano di seguire un modello di corteggiamento all’interno della cultura odierna spesso si imbattono in molte domande pratiche, come ad esempio: “Se suo padre non fosse disponibile o non volesse essere coinvolto?” o “Cosa fai quando vivi a centinaia di chilometri dalla tua famiglia?”

L’obiettivo di questa serie di articoli, a partire da questa introduzione, è quello di fornire ai nostri lettori un punto di riferimento per esaminare queste domande. Scott Croft è un anziano della Capitol Hill Chiesa Battista, dove tiene seminari sull’amicizia, il corteggiamento e il matrimonio. È anche un avvocato abituato ad affrontare domande difficili.

Le risposte che dà possono essere diverse da qualsiasi cosa tu abbia già sentito e gli argomenti che tratta sono quelli su cui cristiani altrettanto devoti hanno trovato diverse interpretazioni bibliche. Non tutti saranno d’accordo con l’approccio di Scott e chiediamo dei feedback tutti coloro che sostengono interpretazioni migliori per i passi biblici a cui Scott fa riferimento.

La nostra speranza è che questa serie di domande e risposte sia preziosa, sia per coloro che pensano che la Bibbia dia indicazioni sufficienti per operare all’interno del nostro sistema attuale, sia per coloro che sono alla ricerca di un percorso completamente contro culturale verso il matrimonio.

Se stai leggendo questo articolo, sei interessati al corteggiamento. L’hai fatto, lo stai facendo, ti piacerebbe farlo, o hai bisogno di insegnare a qualcun altro come farlo. Non preoccuparti, non sei l’unico. Nella nostra società, gli appuntamenti sono diventati una sorta di ossessione, ci si aspetta che sia un fenomeno universale. È qualcosa che fai solo se sei single e maggiorenne (e quell’età sta rapidamente calando) in America, è considerato il precursore naturale del matrimonio ed è generalmente considerato qualcosa da desiderare, qualunque forma possa assumere.

È anche un grande business. Se dovessi cercare su Google la parola “mediatore”, riceveresti qualcosa come 21.200.000 risposte e solo alcuni di questi affermano di essere cristiani, ma la maggior parte no. La parola “incontri” ti farebbe avere circa 790.000.000 risposte.

Come cristiani evangelici, siamo chiamati a essere distinti nel modo in cui pensiamo e agiamo su tutte le questioni che ci confrontano e che ci circondano e questo argomento non fa eccezione. Quindi, esiste qualcosa come il corteggiamento biblico? Se sì, che cos’è? Come possono i cristiani pensare diversamente su questo tema pervasivo nei media e nella cultura? Come stiamo andando finora?

La risposta a quest’ultima domanda è: “Non bene”. I sondaggi indicano costantemente che coloro che si professano cristiani si comportano quasi esattamente come i non cristiani in termini di coinvolgimento sessuale al di fuori del matrimonio (sia nella percentuale di persone coinvolte sia in quelle profondamente coinvolte, cioè fino a che punto si spingono), di convivenza prima del matrimonio, di infedeltà e di divorzio dopo il matrimonio. Infatti, a seconda delle statistiche, il tasso di divorzio per i cristiani dichiarati può essere in realtà più alto di quello degli americani nel loro insieme. Certo, non tutte queste persone sono evangeliche, ma noi neanche ce la caviamo bene. Infatti, la questione centrale che dobbiamo affrontare ‒ e la ragione per cui scrivo e parlo su questo argomento ‒ è che quando si tratta di corteggiamenti e relazioni, forse più che in qualsiasi altro ambito della vita cristiana quotidiana, la chiesa è in gran parte indistinguibile dal mondo. Questa verità ha portato a molti cristiani un dolore emotivo incommensurabile e altre conseguenze. Peggio ancora, ha portato grande disonore al nome di Cristo e alla testimonianza dei singoli e della chiesa.

Non deve essere per forza così. Per i cristiani, il Signore ha dato la sua Parola e lo Spirito Santo ci aiuta a comprenderla. Abbiamo fratelli e sorelle in Cristo che ci aiutano a essere responsabili e ad applicare la Parola nella nostra vita. Se sei cristiano, questa è la vita biblica a cui sei chiamato.

È di questo che spero si occuperà questa serie di articoli: applicare la Parola di Dio al corteggiamento, trovare un coniuge e sposarsi.

Regole delle Scritture

Devo iniziare spiegando la dottrina teologica che guida l’approccio che voglio delineare (e sostenere). Questa dottrina è chiamata la sufficienza delle Scritture. Quasi tutti i cristiani evangelici professanti conoscono e difendono vigorosamente la dottrina dell’inerranza delle Scritture (secondo cui la Bibbia è la Parola di Dio autorevole, è vera e non contiene falsità o errori). Sono certamente d’accordo con l’inerranza delle Scritture, ma non è di questo che sto parlando. La dottrina della sufficienza delle Scritture presuppone l’inerranza, ma poi va oltre. Questa dottrina sostiene semplicemente che la Bibbia è sufficiente per guidarci e istruirci in modo autorevole in tutti gli aspetti della nostra fede e della nostra vita e che non c’è un aspetto della vita in cui la Bibbia non sia una guida per noi. La sufficienza delle Scritture è insegnata esplicitamente e implicitamente in molti passaggi, ma forse il più ovvio è 2 Timoteo 3:16-17:

Tutta la Scrittura è divinamente ispirata e utile a insegnare, a convincere, a correggere a educare nella giustizia, affinché l’uomo di Dio sia completo, pienamente fornito per ogni buona opera.

Allora, come si applica la sufficienza delle Scritture alle nostre prossime discussioni? Ebbene, molti evangelici che credono nell’inerranza della Bibbia e che in generale sono d’accordo con la sufficienza delle Scritture, hanno comunque abbracciato le idee del mondo sul corteggiamento. Così facendo, alcuni sostengono che le Scritture non parlano di questo argomento, io invece credo che lo faccia. La Bibbia parla riguardo ogni area della nostra fede e della nostra vita e ad un certo livello. Di alcune cose ne parla esplicitamente come la salvezza, la santificazione, il matrimonio o gli anziani. La Bibbia ci guida in alcune aree con principi e idee più ampie e generali su cui possiamo costruire, mentre ci sforziamo di vivere la vita cristiana in modo pratico. In entrambi i casi, nessuna area della vita è totalmente al di fuori della guida e dell’autorità della Parola di Dio.

Il mio punto è che non possiamo semplicemente affermare che la Bibbia “non menziona l’appuntamento o il corteggiamento” e poi pensare che siamo fuori pericolo di perseguire questo settore della nostra vita alle condizioni del mondo o comunque senza un diligente e sottomesso riferimento alla Parola di Dio. Se la dottrina della sufficienza delle Scritture è vera, allora la Parola di Dio è una guida autorevole per noi su come possiamo glorificare al meglio Dio in questo ambito della nostra vita. Ciò significa che la nostra conversazione deve essere una conversazione biblica. Cito la sufficienza delle Scritture come parte del lavoro di base perché è una di quelle dottrine che tocca ogni area della nostra vita ed è al centro dell’approccio al corteggiamento (e alla vita) di cui parleremo qui.

Corteggiamento Biblico

Occupiamoci di alcune definizioni di base. Possiamo definire il corteggiamento biblico come un metodo per iniziare e portare avanti una relazione prematrimoniale tra un uomo single e una donna single:

  • inizia (forse) con l’uomo che si avvicina al padre o alla famiglia della donna;
  • è condotta sotto l’autorità del padre, della famiglia o della chiesa della donna;
  • ha sempre come obiettivo diretto il matrimonio (o almeno una determinazione riguardo al matrimonio con una persona specifica).

Il supporto scritturale all’idea del corteggiamento biblico è in gran parte di esempio e di implicazione. Nel corso delle nostre discussioni esamineremo una serie di passaggi che sostengono vari aspetti del corteggiamento biblico, ma per il momento elenco solo alcuni riferimenti per lo studio.

1 Corinzi 6:9-7:19 (comando di essere puri, gravità del peccato sessuale e istruzioni riguardanti il matrimonio).

1 Tessalonicesi 4:1-8 (non ingannare e non defraudare l’altro nelle relazioni implicando una relazione o un impegno con parole o un comportamento che in realtà non esiste).

Cantico dei Cantici 2:7 (“non risvegliare l’amore prima che vi piaccia”, cioè prima del momento opportuno che è quello del matrimonio).

Proverbi 6:20; 7:27 (avvertimento per evitare il peccato sessuale e le relazioni folli).

Giacomo 1:13-15 (la tentazione è da prendere molto sul serio).

Romani 13:8-14 (ama gli altri, lavora per il bene dell’anima e non cercare di compiacere te stesso).

Romani 14:1; 15:7 (favorire gli altri, non se stessi, dare valore a ciò che è bene per l’anima).

1 Timoteo 5:1-2 (tratta le donne sole come sorelle in Cristo, con assoluta purezza).

Tito 2:1-8 (i giovani uomini e le giovani donne dovrebbero concentrarsi sull’autocontrollo/pietà).

Giovanni 14:15 (se ami Cristo, ubbidirai ai suoi comandi ‒ al di sopra dei tuoi desideri ‒ e vivrai biblicamente).

Parleremo di questi e di altri passaggi mentre tratteremo altri argomenti di questa serie.

Corteggiamento moderno

Possiamo fondamentalmente definire il corteggiamento moderno come un metodo per iniziare e portare avanti una relazione prematrimoniale tra un uomo single e una donna single:

  • che incomincia con l’iniziativa dell’uomo o della donna;
  • che è portata avanti senza la supervisione formale di un’autorità, della famiglia o della chiesa di una delle due persone;
  • che può avere o meno il matrimonio come obiettivo ed è spesso puramente considerato come “svago” o “istruttivo”.

Ora, il supporto biblico per l’approccio moderno al corteggiamento. Questo è tutto, non c’è altro. L’idea stessa di un esteso coinvolgimento romantico o sessuale al di fuori del matrimonio non appare nemmeno nelle Scritture, a meno che non sia descritto come illecito (peccaminoso). Inoltre, non compare nemmeno in qualche società, occidentale o di altro tipo, in modo sistematico fino al XX secolo. Mentre i principi che sostengono il corteggiamento biblico hanno i loro inizi con la struttura stessa della famiglia, la datazione moderna ha le sue origini con la rivoluzione sessuale degli anni Sessanta. È una novità assoluta eppure, apparentemente, è tutto ciò che sappiamo.

Differenze tra il corteggiamento moderno e quello biblico

Qual è la vera differenza? Ecco alcuni elementi fondamentali.

La moderna filosofia del corteggiamento presuppone che ci siano diverse relazioni romantiche intime nella vita di una persona prima del matrimonio. In realtà, essa sostiene di “giocare in campo” al fine di determinare “ciò che si vuole” in un compagno. Il corteggiamento biblico ha come obiettivo di essere emotivamente e fisicamente intimo con un solo membro del sesso opposto … il vostro coniuge.

Il corteggiamento moderno tende a essere egualitario (nessuna differenza tra uomini e donne nei “cablaggi” spirituali o emotivi o nei ruoli dati da Dio). Il corteggiamento biblico tende a essere complementare (Dio ha creato uomini e donne in modo diverso e ha ordinato a ciascuno di questi esseri spirituali di svolgere ruoli diversi e preziosi nella chiesa e nella famiglia).

Il corteggiamento moderno tende a dare per scontato che si trascorrerà molto tempo insieme (per la maggior parte da soli). Il corteggiamento biblico tende a incoraggiare di trascorrere il tempo in attività di gruppo o con altre persone che la coppia conosce bene.

Il corteggiamento moderno tende ad affermare che è necessario conoscere una persona più profondamente di chiunque altro al mondo per capire se si dovrebbe stare con lui o lei. L’approccio biblico suggerisce che l’impegno reale con l’altra persona dovrebbe precedere un così alto livello di intimità.

Il corteggiamento moderno tende a presupporre che una buona relazione “soddisfi tutti i miei bisogni e desideri” e una cattiva non lo farà, essenzialmente è un approccio egocentrico. Il corteggiamento biblico si avvicina alle relazioni da una prospettiva completamente diversa, quella del ministero, del servizio e del dare gloria a Dio.

Il corteggiamento moderno tende a sostenere che ci sarà un alto livello di coinvolgimento emotivo in una relazione di incontri e anche un certo livello di coinvolgimento fisico. La relazione biblica presuppone un’intimità fisica e un’intimità emotiva più limitata al di fuori del matrimonio.

Il corteggiamento moderno presuppone che quello che faccio e con chi esco da adulto dipende interamente da me ed è una questione privata (la mia famiglia o la chiesa non hanno alcuna autorità formale o pratica). Il corteggiamento biblico presuppone un contesto di responsabilità spirituale, come in ogni altro ambito della vita cristiana.

Fondamentalmente, possiamo fare tre affermazioni generali sul corteggiamento moderno rispetto al corteggiamento biblico in termini delle rispettive filosofie.

  • Il corteggiamento moderno sembra riguardare il “trovare” la persona giusta per me (come ha scritto il mio amico Michael Lawrence, “Stop Test-Driving Your Girlfriend”); il corteggiamento biblico riguarda piuttosto “l’essere” la persona giusta per servire i bisogni del mio futuro coniuge ed essere un marito o una moglie che glorifica Dio.
  • Nel corteggiamento moderno, l’intimità precede l’impegno. Nel corteggiamento biblico, l’impegno precede l’intimità.
  • L’approccio del corteggiamento moderno ci dice che il modo per capire se voglio sposare qualcuno è quello di comportarmi come se fossimo sposati. Se ci piace, lo rendiamo ufficiale, se non ci piace, allora passiamo attraverso qualcosa di emotivo ‒ e probabilmente anche fisico ‒ come un divorzio. Nel corteggiamento biblico, le Scritture ci guidano su come trovare un compagno e sposarsi e la Bibbia insegna, tra le altre cose, che dovremmo agire in modo tale da non implicare un impegno a livello matrimoniale fino a quando tale impegno non esiste davanti al Signore.

Sono estremamente fiducioso che nei prossimi mesi alcuni, forse molti, di voi non saranno d’accordo (se non lo sono già) o saranno inizialmente infastiditi da alcune delle mie affermazioni. Chiedetevi perché, cosa cercate di tenervi stretto che pensate questo approccio vi porterebbe via (privacy, autonomia, un’idea laica di libertà o dei vostri diritti)?

Pongo una sfida particolare per quelli di voi la cui principale obiezione è che i dettagli pratici di cui parleremo qui “non sono esplicitamente biblici”: pensate ai dettagli di come condurrete (o vorreste condurre) la vostra vita sentimentale. Potete trovare un supporto esplicito per l’approccio moderno nelle Scritture? Ci sono anche principi generali nelle Scritture che giustificano la visione moderna del corteggiamento (o la tua, qualunque essa sia)? La Bibbia semplicemente non ci dà istruzioni esplicite su alcune delle cose di cui parleremo, mi sembra giusto. In una situazione del genere, dovremmo chiederci cosa ci avvicina di più a un chiaro insegnamento biblico. In altre parole, all’interno delle molte aree grigie qui, quale comportamento nella nostra vita di coppia ci aiuterà a prenderci cura al meglio dei nostri fratelli e sorelle in Cristo e a portare onore al suo nome?

Questo è tutto ed è un quadro di base per il corteggiamento biblico, come meglio posso discernere dai principi della Parola di Dio. Ora, ci siamo, nessuna domanda è troppo ampia o troppo specifica, troppo teorica, troppo teologica, troppo teologica o troppo pratica. Concordate con quanto ho detto, o contestatelo. Ecco come il ferro affila il ferro.

Ricordati solo una cosa: ci siamo dentro insieme e per la sua Gloria.

https://www.coramdeo.it/articoli/il-corteggiamento-biblico-in-cosa-e-diverso-da-quello-mod

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook