IL PLASMA CONTINUA A GUARIRE

Il 25 Aprile siamo stati felici, dopo tante brutte notizie, di pubblicare l’articolo “Covid 19: Nel plasma c’è guarigione”.

Ebbene non è consuetudine riproporre il medesimo tema ma la rilevanza della notizia pervenuta, esultiamo e riteniamo doveroso dare seguito a quanto leggerete ritenendola degna di nota.

La città Mantova è stata di certo epicentro dell’epidemia; ma la notizia positiva che i morti per covid 19 sono azzerati da un mese,  Ripeto AZZERATI.

I soggetti quasi dati per spacciati, trasportati a Mantova, sono guariti.

Come sapete a Mantova e a Pavia hanno utilizzato e testato il plasma iperimmune (ricavato dal sangue dei guariti).

La fase di test è ultimata e la relazione che uscirà a breve sarà sorprendente.

Quindi, la cura esisterebbe e avrebbe costo quasi zero. Ma per far fronte alle necessità servono donatori. Le persone dimesse in seguito alla guarigione donano il sangue, prezioso elemento da destinare ad altri pazienti covid 19

Non stupiamoci delle contestazioni del noto virologo Burioni, il quale sosteneva che il pericolo di contagio era pari a zero e che il plasma ha limiti e preferiva un farmaco sintetizzato, non ci permettiamo di indagare ma è naturale che il farmaco abbia dei costi.

Il Dottor De Donno (pneumologo dell’ospedale di Mantova) gli risponde sopra le righe: Il signor scienziato, nonostante avesse detto che il Coronavirus non sarebbe arrivato in Italia, si è accorto in ritardo del plasma iperimmune.

Forse il Professore non sa cosa è il test di neutralizzazione. Forse non conosce le metodiche di controllo del plasma, giacché noi abbiamo il supporto dell’ AVIS.

Glielo perdono. Io piccolo pneumologo di periferia. Io che non sono mai stato invitato da Fazio o da Vespa. Ora, ci andrà lui a parlare di plasma iperimmune. Ed io e Franchini alzeremo le spalle, perché… la cosa IMPORTANTE è salvare vite!

L’obiettivo è di arrivare con il vaccino prima possibile! In ogni caso stiamo sicuramente facendo dei passi da giganti, il nostro punto di forza e sicuramente la collaborazione con l’AVIS che ha la possibilità di osservare attraverso i donatori molto plasma. Infatti, il medico auspica che ci sia tra gli immuni la volontà e la forza di andare avanti a fare questa donazione negli ospedali e nella fattispecie nei loro, affinché si voglia raccogliere più sacche di plasma possibile non tanto per il bisogno attuale ma per quest’autunno.

“La vita della carne è nel sangue” Levitico17:11.

“Perché la vita d’ogni carne è il sangue; nel suo sangue sta la vita” Levitico 17:17.

Noi siamo il Corpo di Cristo diventati eredi e coeredi di Cristo tramite lo spargimento del Sangue di Gesù.  La salvezza e la vita eterna di ognuno di noi proviene dal Sangue dell’Agnello di Dio, perché la vita è nel sangue di Cristo Gesù.

Lella Francese

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook