Il saluto evangelico: «Pace del Signore Gesù!!!»

“Io dirò la PACE sia dentro di te!!!” (Rif. Salmo 122 verso 8)

Noi evangelici siamo conosciuti anche per il saluto: “PACE DEL SIGNORE!” Un insegnamento raccolto dal nostro Signore Gesù Cristo che, dopo la resurrezione, andando a far visita ai Suoi discepoli disse: «PACE A VOI» (Rif. Evangelo di Giovanni Cap.20 verso 19b). Questa pace che noi tutti desideriamo vivere non è poi così lontana da noi da essere considerata irrealizzabile. La pace è una condizione personale e relazionale a cui dobbiamo dedicarci e ricercare con tutto il cuore. La PACE di cui parla Cristo è… un armonia interiore dell’anima che non si va affatto determinando per mezzo di circostanze esterne a noi favorevoli.

Certo, una vita serena, senza pensieri e problemi particolari, potrebbe rendere un individuo ben disposto a raggiungere questa condizione, ma (ahimè!) non è sempre così… per cui sarà solo una pace a tempo, UNA PACE COL TIMER. Invece, la pace di Cristo non è legata a circostanze esteriori. Non a caso il salmista, nel testo biblico su citato, fa riferimento ad una “PACE DENTRO DI TE volendo significare che questo stato d’animo non è legato ad aspetti puramente visibili.

A questo punto sorge spontanea la domanda: “Come poter realizzare questa interiore pace di Cristo?” Leggiamo attentamente quanto dice la Bibbia in merito: “Giustificati dunque per fede, ABBIAMO PACE CON DIO per mezzo di Gesù Cristo” (Rif. Epistola ai Romani Cap.5 verso 1). La vera PACE DENTRO, cioè LA COMUNIONE CON DIO, si ottiene solo in Cristo. Egli stesso dice chiaramente: “Vi lascio pace; vi do’ la mia pace. IO non vi do’ come il mondo dà…” (Rif. Evangelo di Giovanni Cap.14 verso 27). Chi ha ricevuto la PACE DI CRISTO, anche se intorno a lui si scatenasse la tempesta, a motivo di questa pace unica e speciale, rimane sereno e fiducioso in Dio che ha tutto sotto il Suo controllo. In conclusione: “Grazia, misericordia e pace saranno con noi da parte di Dio Padre e di Gesù Cristo, il Figlio del Padre, nella verità e nell’amore” (Rif. Seconda Epistola di Giovanni Capitolo unico verso 3).

Fontedivita.it