La campagna di preghiera aiuta a salvare circa 300 bambini dall’aborto negli Stati Uniti

Circa 300 donne hanno deciso di non abortire grazie alla campagna annuale, che prevede preghiera, digiuno e veglia pacifica di fronte alle cliniche per l’aborto.

La campagna, organizzata da “40 giorni per la vita”, che prevede la partecipazione di volontari; pregano davanti a questi stabilimenti per 40 giorni, in 505 città e 30 paesi, in modo che le madri desistano dalla loro idea di aborto.

Secondo il rapporto dell’organizzazione, finora 296 bambini non ancora nati sono stati salvati dall’aborto, secondo il blog 40 Days for Life. La campagna è iniziata il 25 settembre e durerà fino al 3 novembre.

Il blog di 40 Days for Life racconta storie di vite trasformate.

A Portland, nell’Oregon, una madre che aveva due figli, di età compresa tra 9 e 11 anni, si recò alla clinica per abortire.

“Sapevo di non essere sicura di cosa avrei fatto”, ha detto Carissa, una volontaria che era lì da 40 giorni. “Mi sono avvicinata e le ho detto che eravamo qui per lei e l’abbiamo amata, le abbiamo detto che le avremmo dato aiutato e l’abbiamo abbracciata .”

La madre accettò le risorse di Carissa e lasciò la clinica, chiedendo che si pregasse per lei.

In Florida, il proprietario di una casa adiacente alla clinica per l’aborto è pro-vita ha consentito ai manifestanti di usare la sua proprietà. Inoltre ha permesso ai volontari di utilizzare gli spazi per pregare adiacenti agli ingressi della clinica.

Una vittoria ancora maggiore arrivò quando una giovane donna incinta cambiò idea dopo aver ascoltato volontari pacifici e aver ascoltato le loro testimonianze a favore della vita.

Lei sorrise, salutò e disse: “Non devi preoccuparti per me, starò con il mio bambino!”

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook