La Cina vieta i battesimi per fermare l’avanzata del cristianesimo

Le autorità cinesi della provincia dello Zhejiang hanno vietato il battesimo in acqua e introdotto una nuova serie di restrizioni per le chiese cristiane autorizzate dal governo comunista. Ciò include lasciare informazioni con il numero di partecipanti al culto, i tempi del servizio, i tipi di attività e il luogo, che saranno sotto il controllo degli ufficiali di polizia cinesi.

La Cina ha anche vietato i cambiamenti di residenza, la crescita della chiesa, l’adeguamento dei tempi di culto e la consegna di regali. Altri articoli proibiti includono un conto bancario individuale della chiesa, che riceve donazioni da altri paesi e i battesimi in acqua.

Anche le chiese devono avere personale autonomo che supervisioni i culti, programmi le attività e gestisca le norme di sicurezza e le attrezzature antincendio. I pastori delle comunità locali supervisioneranno l’attuazione di questi regolamenti.

Ciò è accaduto dopo che il governo cinese ha implementato lo scorso anno una nuova versione del regolamento sugli affari religiosi. Da allora, le chiese sono state oggetto di un crescente controllo.

La Cina ritiene che queste misure manterranno le chiese sotto il controllo del governo e impediranno alle organizzazioni straniere di usare la religione per rovesciare il regime comunista.

Tuttavia, nessun governo ha usato la religione per cercare di spodestare il Partito Comunista, afferma China Aid, un’agenzia di difesa cristiana nel paese.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook