La vita sotto l’ISIS ha portato questi musulmani al cristianesimo

“Se ISIS rappresenta l’Islam, non voglio più essere un musulmano, il loro Dio non è il mio Dio”, ha detto Syrian Farhad Jasim, 23 anni, a NBC News. “Non mi ci è voluto molto per scoprire che il cristianesimo era la religione che stavo cercando.”

Dio sta lavorando in modo straordinario nel mezzo della terribile guerra siriana? Sì! Una nuova chiesa a Kobani, sul confine turco-siriano, attrae uomini e donne disillusi dall’Islam. È il primo luogo di culto cristiano da decenni.

Quasi le lacrime, Jasim dice che spera che i suoi cari non solo lo perdoneranno per aver seguito Gesù, ma che possano considerare di convertirsi. Lasciare l’Islam ha significato chiudere la sua relazione con i suoi genitori e la sua famiglia.

Riesci ancora a vedere il dolore sul suo viso? Ha raccontato più di ciò che ha visto in questo articolo. Mentre questi nuovi fratelli e sorelle si rallegrano e allo stesso tempo pregano per le cicatrici traumatiche che portano.

«Lo Spirito del Signore è sopra di me, perché mi ha unto per evangelizzare i poveri; mi ha mandato per guarire quelli che hanno il cuore rotto, per proclamare la liberazione ai prigionieri e il recupero della vista ai ciechi, per rimettere in libertà gli oppressi, Gesù in Luca 4:18-19.

FOTO NBC NEWS

Da: Facebook.com/8trent8

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook per restare informato...