Le coste del Mar Morto prosperano e la profezia biblica di Ezechiele si adempie!

Lungo le rive del Mar Morto sono fiorite, questo inverno, distese di fiori e una vegetazione rigogliosa, dopo un lungo periodo di pioggia, questo episodio è stato considerato il compimento della profezia di Ezechiele 47:10.

L’imponente paesaggio floreale colorato si estende su un tratto di quattro miglia dal Kibbutz Kalya a Ovnat, con campi di fiori di nuova specie di nuova formazione, i cui semi possono rimanere dormienti nel deserto per anni fino a quando non c’è abbastanza acqua da germogliare.

Il Mar Morto è conosciuto per il suo ambiente ipersalino (37% di salinità, quasi dieci volte più salato dell’oceano) e per la carenza di vita acquatica, ma il giornalista israeliano Noam Bedein del Dead Sea Revival Project, afferma che il termine Mar Morto, era usato principalmente dai romani ma oggi è un termine decisamente improprio.

Il Mar Morto è “tutt’altro che morto”, ha detto, definendolo “l’ottava meraviglia del mondo”.

Bedein ha visto pesci nuotare, microrganismi, vegetazione in crescita e milioni di visitatori ogni anno che vengono alla ricerca della vita attraverso alti livelli di ossigeno nell’acqua e minerali speciali.

In realtà, l’esistenza di pesci nel Mar Morto è una realtà che sembra contraddire le leggi della natura, ma ciò è stato spiegato dalla scienza e dalla profezia biblica in Ezechiele 47:10.

Sulle rive del Mar Morto, a più di 400 metri sotto il livello del mare, ci sono pozzi d’acqua dolce, creati a causa del calo del livello dell’acqua. Questi grandi lavandini sono stati scoperti nel 2011, ricoperti di microrganismi e sulla costa del mare: con pesci e alghe.

“Come risultato di queste pozze d’acqua, vediamo habitat con meno dell’1,5% di salinità – acqua che potrebbe essere bevuta – circondati da acqua salata, nonché minerali come bromo, magnesio e potassio”, ha detto Bedein a Breaking Israel News.

Ma questo non è un miracolo scientifico, disse Bedein, è la profezia biblica che si avvera.

Secondo la Bibbia, il paesaggio cambiò con la distruzione di Sodoma e Gomorra, che trasformò la valle in un deserto. La Bibbia descrive anche l’area come fertile e ben irrigata nella sua narrazione di Lot che guarda verso la valle dove si trova il Mar Morto. (Genesi 13:10)

“Un luogo che una volta era maledetto nei tempi biblici, ora puoi venire qui nel Mar Morto, esplorare i pozzi e vedere i pesci dove l’acqua si è ritirata, adempiendo le profezie di Ezechiele che parlavano della terra fiorente e fioritura quando gli ebrei ritornano”, ha detto Bedein.

Farò la terra desolata, così che i tuoi nemici che vi s’insediano ne siano inorriditi. (Levitico 26:32).

In effetti, la profezia biblica sostiene, inoltre, che l’acqua scorrerà a est da Gerusalemme al Mar Morto, riempiendola di pesci e del deserto circostante con la vita, come dice Ezechiele 47:8-9.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook