L’Esercito della Salvezza e l’impegno ad Amatrice

Il segretario generale in Italia, Maggiore David Cavanagh: «Proseguiamo impegno concreto ad con il kit-scuola per i ragazzi delle famiglie di agricoltori e allevatori, da noi già sostenute con sementi e mangimi».

Ad Amatrice si è conclusa, nella serata di martedì 5 luglio scorso, la visita della delegazione dell’Esercito della Salvezza (Eds) per consegnare le nuove sementi e mangimi offerti dall’esercito della Salvezza a quattro aziende di agricoltori terremotati, e soprattutto, avviare la nuova iniziativa a favore dei loro bambini

«Prosegue il nostro impegno a sostegno delle persone vulnerabili, svantaggiate o in grave difficoltà. In occasione di questa visita ad Amatrice, in particolare agli agricoltori e allevatori, oltre a consegnare le nuove sementi, dopo la precedente stagione in cui l’Esercito della Salvezza ha inteso dare un piccolo aiuto a questi nostri amici –  abbiamo iniziato con il signor Sciarra, di una delle quattro aziende agricole da noi sostenute, gravemente danneggiate dal terremoto -, ci fa immenso piacere essere ritornati con una nuova iniziativa diretta alle famiglie e, soprattutto, ai bambini».
E’ quanto dichiara il Maggiore David Cavanagh, Segretario Generale dell’Esercito della Salvezza in Italia, il movimento religioso di area protestante presente in Italia da oltre 130 anni, in visita con una delegazione nel reatino, in cui è presente anche Alessandra Laterza, fondatrice della nuova libreria Le Torri di Tor Bella Monaca, a Roma, ed ideatrice dell’iniziativa, messa in pratica da EdS.

«Prendendo spunto dal concetto del “sospeso”, tratto dalla bella tradizione napoletana e già applicato con grande successo al cappuccino, grazie ai molti bar di Roma,  del centro storico come della periferia, tra cui alcuni prestigiosi come Rosati, che hanno voluto incoraggiare un gesto di solidarietà lasciando pagata una colazione per le persone non in grado di permettersela -, lanciamo, infatti, la campagna del “kit scolastico” in “sospeso”. E’ stato, e sarà fornito ai ragazzi un astuccio e un diario per il loro ritorno a scuola, a settembre, sostenendo così i nuclei familiari anche sul versante educativo. L’iniziativa  – il cui impegno di spesa parte dalla Chiesa di Scozia di Roma – comincia dalla Capitale, dal quartiere di Tor Bella Monaca, in collaborazione con la libreria booklet Le Torri, in direzione degli amici di Amatrice, e proseguirà anche con altre librerie e cartolerie a Milano, Napoli e Catania, a sostegno delle famiglie con bambini con problemi economici. Un gesto concreto di vicinanza per chi ha sofferto e soffre le conseguenze di un evento catastrofico, come pure la crisi economica», conclude il Segretario Generale dell’Esercito della Salvezza in Italia, Cavanagh. 

di Redazione | Riforma.it