Magic Johnson lascia l’NBA per servire Dio e predicare l’evangelo

L’ex-giocatore di basket Earvin “Magic” Johnson, lascia il ruolo di dirigente dei Los Angeles Lakers in modo da poter trascorrere più tempo per servire Dio, ed essere più presente per la sua chiesa sia per la sua comunità.

Quando qualche tempo fa gli è stato chiesto in che modo la fede ha influenzato la sua carriera di giocatore di basket durante un’intervista al “ The Gospel Herald” ha detto: “Dio è la cosa più importante della mia vita”.

Dio mi benedice ogni giorno, ogni volta che mi sveglio. E mi benedice insieme con tutti quelli che si adoperano per il Signore. Ogni giorno sono grato a Lui, perché Egli è Buono e la Sua benignità dura in eterno”, ha dichiarato il cestista che è considerato la leggenda del basket.

E nella mente di tutti l’episodio del 1991 che segno la sua vita, quando il giocatore rese pubblico che aveva contratto il virus dell’HIV, costringendolo a ritirarsi immediatamente dal basket, per poi ritornare un anno dopo, con il supporto dei suoi compagni, per vincere l’oro olimpico del 1992 a Barcellona con il “Dream Team”. Divenne il primo giocatore apertamente sieropositivo a giocare nel NBA.

Il giocatore di basket Earvin “Magic” Johnson, lascia il suo lavoro nel NBA in modo da poter trascorrere più tempo a servire Dio sia la sua chiesa sia la sua comunità.

Considerato una leggenda vivente del basket mondiale, l’ex giocatore di Magic Johnson è sempre più impegnato per il Regno di Dio. Di recente ha annunciato che dedicherà più tempo alla chiesa dove da 20 anni Dio l’ha posto insieme a sua moglie.

Io e mia moglie Cookie abbiamo ricevuto un potente messaggio sul piano di Dio per noi”, ha scritto Johnson nel suo account Twitter. “Dobbiamo lavorare per il Suo piano e avere fede che lo realizzeremo. Buona domenica”, ha scritto.

La pubblicazione del post al raggiungimento dei 60 anni di Magic Johnson conferma che lui e sua moglie intendono dedicarsi al ministero della Chiesa di Dio in Cristo di Los Angeles, diretto dal vescovo Charles. E. Blake

Possiamo costruire il nostro centro di vita familiare. Molti servizi saranno istituiti alla comunità grazie al centro di vita familiare”, ha detto l’ex giocatore di basket, secondo i rapporti di Faith Wire.

Magic Johnson era entusiasta di contribuire alla crescita dei progetti sociali della chiesa su invito del vescovo Blake.

Quando mi ha chiesto di sostenerlo, ho accettato, ero molto disposto a farlo“, ha detto Johnson.

Secondo la Chiesa di Dio in Cristo, Johnson ha recentemente condiviso con la chiesa il progetto che il Signore gli ha messo nel cuore, di seguire la chiamata di Dio.

È davvero una benedizione quando sai in quale direzione stai andando“. “È un grande cambiamento per me perché ora, quando parlerò con la società, comincerò lodando il Signore “, ha detto Johnson.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook