Pastore cinese condannato a 9 anni di prigione chiede a Dio di “essere usato” in prigione

Un rinomato pastore cristiano in Cina è stato condannato a nove anni di prigione e privato dei suoi diritti politici per tre anni, mentre dovrà pagare una multa dopo essere stato accusato di predicare un messaggio (quello di Gesù) che non corrisponde alla verità.

Il pastore Wang Yi, leader di una delle più grandi chiese cristiane evangeliche non registrate dal governo cinese, è stato condannato a nove anni di carcere con l’accusa di “incitamento alla sovversione del potere statale” e di “operazioni commerciali illegali”.

Il pastore della chiesa di 5.000 membri, Early Rain Covenant Church nella città di Chengdu, è stato condannato lunedì, secondo una dichiarazione del Tribunale popolare intermedio comunale di Chengdu.

Come parte della sua condanna, il pastore è stato privato dei suoi diritti politici per tre anni e dovrà pagare una multa di $ 7.200, quindi i suoi beni personali saranno sequestrati.

Un post su Facebook di un gruppo affiliato alla chiesa ha pubblicato una dichiarazione del pastore Wang Yi, che esprime il suo desiderio di essere usato da Dio anche in prigione.

“Spero che Dio mi usi, attraverso la privazione della mia libertà, per dire a coloro che mi hanno privato della mia libertà che esiste un’autorità superiore alla loro autorità e che esiste una libertà che loro non hanno, una libertà di cui godeva la chiesa di Gesù Cristo, crocefisso e resuscitato”.

Il pastore ha anche affermato di provare compassione per i funzionari del regime comunista cinese che hanno eseguito il suo arresto. “Prego che il Signore mi possa usare, per concedermi pazienza e saggezza, in modo che io possa predicare loro il Vangelo “, ha dichiarato.

Wang Yi ha aggiunto: “Mi hanno separato da mia moglie e dai miei figli, hanno rovinato la mia reputazione, distrutto la mia vita e la mia famiglia, le autorità sono in grado di fare tutte queste cose. Tuttavia, nessuno in questo mondo può costringermi a rinunciare alla mia fede”.

La condanna di Wang è stata ampiamente ingiusta per i difensori dei diritti umani. Patrick Poon, un responsabile di Amnesty International in Cina, che riferendosi alla condanna ha usato la frase: “È terribile e ingiusta”.

“Wang Yi predicava solo la parola di Dio e difendeva pacificamente i diritti umani in Cina”, hanno scritto.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook