Per cambiare la storia 40 possono bastare!

“È chiaro che Dio considera 40 giorni un periodo spiritualmente significativo. Quando Dio ha voluto preparare qualcuno per il suo scopo di vita, ci ha sempre impiegato 40 giorni…” (Rick Warren).

Parole importanti che fanno riflettere… Di fatto, nella Bibbia, il susseguirsi di questo numero, 40 giorni / 40 anni, ha sempre portato con se’ importanti riflessioni e ancor meglio, importanti decisioni che hanno segnato la storia.

La lettera (ebraica) MEM oltre al numero 40 indica, con la sua forma, il ventre materno e anche una sorgente di acqua.

I quaranta giorni così rappresentano un periodo determinato che racchiude un avvenimento o un’esperienza che si prolunga nel tempo, ma che è aperto alla vita, con fede e speranza.

Di seguito si può notare quanta spiritualità e quante importanti fasi si sono sviluppate in seguito questi percorsi:

* 40 giorni e 40 notti sono il tempo nel quale cadde la pioggia durante il diluvio universale; nella tradizione ebraica, Quando una persona diventa ritualmente impura, deve immergersi in un bagno rituale, un mikveh. Il Talmud ci dice che un mikve deve essere riempito con 40 se’ah (una misura di acqua). L’immersione in un mikveh è il consumato simbolo ebraico di rinnovamento spirituale. Non è un caso che nella storia di Noè, la pioggia abbia piovuto per 40 giorni e immerso il mondo nell’acqua.

* 40 giorni e 40 notti è il periodo che Gesù passò digiunando nel deserto;

* 40 anni è il periodo durante il quale gli erranti di Israele vagano nel deserto prima di raggiungere la Terra Promessa;

* La vita di Mosè è divisa in 3 segmenti di 40 anni ciascuno. Non è un caso;

* Il numero 40 di fatto, si ripete 98 volte nella Bibbia;

* 40 sono i giorni che trascorsero dalla resurrezione di Gesù all’ascesa al cielo. Anche questo non è stato un fatto casuale;

* Isacco aveva 40 anni quando sposò Rebecca;

* Gesù fu presentato al Tempio di Gerusalemme 40 giorni dopo la sua nascita;

* Il profeta Elia camminò per quaranta giorni e quaranta notti fino al Monte Oreb (Monte Sinai), dove il Signore gli rivolse la parola;

* 40 è il numero dei capitoli del libro dell’Esodo del Vecchio Testamento;

* Per ultimo ma non meno importante, 40 sono anche le settimane di gestazione in cui si compie una nuova vita.

Tanta e illuminata sapienza dietro questa numerazione… Un periodo di 40 giorni, di ritorno al Creatore, di preghiera e adorazione può insegnarci a guardare al futuro più che al passato, a lasciarci aperti, più che dalle nostalgie, dalle nuove possibilità che la vita ci riserva affinché s’inizi, di fatto, a vivere veramente.

Vincenzo Lipari

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook