Senza se e senza ma!

Es. 6:10 Il SIGNORE parlò a Mosè, e disse: 11 «Va’, parla al faraone re d’Egitto, perché egli lasci uscire i figli d’Israele dal suo paese». 12 Ma Mosè parlò in presenza del SIGNORE, dicendo: «Ecco, i figli d’Israele non mi hanno dato ascolto; come vorrà darmi ascolto il faraone, dato che io non so parlare?» 13 Il SIGNORE parlò a Mosè e ad Aaronne e comandò loro di andare dai figli d’Israele e dal faraone, re d’Egitto, per far uscire i figli d’Israele dal paese d’Egitto.

I tempi di Dio non sono lunghi per sua scelta ma, spesso, per nostra negligenza, facciamo giri di disubbidienza invece di prendere la direzione di Dio, pronunciamo ma di incredulità.

L’ordine di Dio è chiaro e perentorio però Mosè ha un ma da dire al Signore, e lo dice nella sua presenza.

Che cosa strana puoi trovarti nella sua presenza e avere un cuore incredulo, invece di preghiera e proclamazione di fede puoi dirgli che hai dei seri dubbi sulla sua opera di persuasione.

Non scambiare l’insicurezza con la prudenza, essa è solo un tentativo di evasione dalle tue responsabilità.

Tu sei la scelta di Dio, ciò che devi fare è più grande di te, ma non è più grande di colui che ti manda, non indugiare cadendo nelle solite e ripetute giustificazioni, basta con i ma prosegui con i sì.

Non continuare a sbandierare i tuoi limiti, non so parlare, perché Dio ti ha già dimostrato in passato che ti ha usato in modo efficace.

Le parole non dette ad altri non possono produrre effetto, ma quelle di autonegatività pronunciate su te stesso portano conseguenze, se proclami che sei un debole tu lo sarai davvero perciò la parola dice “dica il debole son forte, dica il povero son ricco”.

Sai che la bibbia non dice ciò che Mosè dice di sé stesso, infatti:

Mosè fu istruito in tutta la sapienza degli egiziani e divenne potente in parole e opere. Atti 7:22

Era potente in parole e opere, non nascondere i talenti che hai ricevuto, la viltà non è l’umiltà.

Dio non ascolta i tuoi ma, egli ha messo al tuo fianco degli Araonne che ti accompagneranno nella missione della vita, ti aiuteranno a non sentirti solo e condivideranno il tuo stesso peso.

Stamattina non salga a Dio il tuo ma, sia questo il giorno del tuo sì.

Risplendi.

Tino Di Domenico

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook