La Carolina del Nord obbliga a celebrare matrimoni tra omosessuali. Il giudice e pastore Gilbert Breedlove: “La Bibbia ci insegna altro”.

Un giudice di 57 anni ha rinunciato al proprio incarico nella Carolina del Nord (Stati Uniti). Gilbert Breedlove, che è anche un pastore ordinato, ha lavorato come giudice per la contea di Swain. Tra le sue funzioni di giudice c’era quella di celebrare matrimoni. Per via della nuova legge statale, si è visto costretto a celebrare matrimoni omosessuali a partire da questo mese. Visto che questo andava contro la sua fede, ha deciso di abbandonare le sue funzioni.

“Era la mia unica opzione. Tutta la Bibbia insegna che il matrimonio è tra un uomo e una donna. Qualunque altro tipo di attività sessale è definito fornicazione, non matrimonio”, ha detto Breedlove alla stampa.

Non aveva ancora raggiunto l’età per andare in pensione, ma ha rinunciato alla sua principale fonte di reddito per vivere ora con uno stipendio molto più basso offerto dalla sua Chiesa. Capisce chiaramente le conseguenze della sua decisione, ma sa che sta facendo ciò che è giusto perché Dio è la cosa più importante della sua vita.

Il suo desiderio è che il suo esempio esorti altri giudici a prendere posizione. Non è solo. Anche John Kallam Jr., giudice della contea di Rockingham, ha presentato la propria rinuncia per via della sua fede cristiana.

Kallam ha detto che celebrare matrimoni omosessuali vorrebbe dire “profanare la santa istituzione stabilita da Dio”. Circa 400 cristiani si sono riuniti di fronte al tribunale in cui lavorava per dimostrargli il proprio sostegno.

Un giudice nella contea di Pasquotank, che ha preferito mantenere l’anonimato, ha informato la stampa del fatto che dopo essersi rifiutato di sposare due uomini ha ricevuto una notifica dal Governo statale che diceva: “In base alla nuova legge, se insiste nel suo atteggiamento sarà licenziato”.

[Traduzione a cura di Roberta Sciamplicotti | it.aleteia.org/]

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook