Strage in Texas, il dolore e la rabbia delle comunità di fede

Alla notizia dei 19 bambini e delle altre due persone uccise in una sparatoria in una scuola di Uvalde, in Texas, i leader religiosi esprimono il loro dolore, e molti dicono che è giunto il momento di un nuovo approccio al controllo delle armi.

«E’ a nome della nostra comunione mondiale di chiese che porgo le nostre sincere condoglianze alle persone e alle chiese negli Stati Uniti –  ha scritto Ioan Saucasegretario generale ad interim del Consiglio Ecumenico delle Chiese – . La violenza armata e la perdita di vite umane sono orribili ricordi di come le persone sulla terra non siano all’altezza della volontà del nostro Dio giusto e amorevole. L’innocenza dei bambini non può essere ignorata. Mentre scrivo, mi viene in mente il Salmo 6:3: “La mia anima è in profonda angoscia. Quanto tempo, Signore, quanto tempo?” Per favore, sappiate che il nostro dolore è profondo, le nostre preghiere sono forti e la nostra comunione offre il nostro sincero dolore»,

Il presidente del B’nai B’rith Seth J. Riklin e l’amministratore delegato Daniel S. Mariaschin: «Ci piacerebbe pensare che non potremo mai diventare insensibili a questa follia. Eppure sembra che il nostro Paese sia paralizzato da una paura irrazionale di agire per fermare questa piaga. Ma che dire della paura che sta crescendo in un numero sempre maggiore di cittadini: paura di andare a scuola, di partecipare alle funzioni religiose, di entrare in un negozio di alimentari o in un cinema. I nostri cuori sono addolorati per le vittime e le famiglie di questo massacro. E per tutti coloro che sono stati toccati dalla violenza delle armi».

Arcivescovo Elpidophoros, Arcidiocesi greco-ortodossa d’America: «Il massacro di così tanti innocenti a Uvalde deve sfidare la nostra nazione ad affrontare finalmente la violenza delle armi. Questo sanguinoso sacrificio di bambini reso possibile dalla cultura di morte delle armi non può essere giustificato da appelli ai “diritti”. Che ne è del diritto alla loro vita?».

Jack Graham, pastore della chiesa battista di Prestonwood, Plano, Texas: «Piangiamo con coloro che piangono. La sparatoria mortale a Uvalde ci mette in ginocchio. Che il Dio di ogni conforto sia vicino a chi ha il cuore spezzato».

Vescovo Robert Schnase delle Conferenze annuali della Chiesa Metodista Unita del Rio Texas e del New Mexico: «I nostri cuori sono spezzati per la gente di Uvalde. Siamo sconvolti per le numerose vite perse durante la tragica sparatoria alla Robb Elementary School. Piangiamo coloro che sono morti oggi e preghiamo con fervore per le famiglie delle vittime e circondiamo di preghiera la comunità di Uvalde. … Ulteriori dettagli emergeranno e sappiamo che sarà necessario fare di più, ma per ora il dolore è indescrivibile. Signore, abbi pietà, ascolta le nostre preghiere».

Bruce Reyes-Chow, Prima chiesa presbiteriana di Palo Alto: «Di fronte alla violenza delle armi e alle sparatorie di massa, offrire “pensieri e preghiere” non è errato, ma a questo punto della crisi nazionale, se non si sostiene un’azione legislativa e si lavora per un cambiamento culturale, quei “pensieri e preghiere” sono privi di significato».

Donne metodiste unite: «O Signore, nella tua misericordia, ascolta le nostre grida per le famiglie schiacciate dal dolore per la perdita dei loro figli e dei loro cari nella sparatoria di ieri in Texas. Signore, abbi pietà della nostra nazione che continua a considerare questo ricorrente assassinio dei nostri studenti un prezzo accettabile per la “libertà”. Signore guarisci la nostra mente collettiva e aiuta i nostri politici a trovare l’integrità e il coraggio di agire per fermare questa carneficina e questo dolore».

Assemblea Rabbinica, l’associazione internazionale dei rabbini: «È giunto il momento che i politici statunitensi, attualmente ossessionati dalle campagne di rielezione, mettano da parte la partigianeria per salvare letteralmente delle vite. Devono promulgare con fermezza e immediatamente una legislazione significativa sulla riforma delle armi. Lo stesso vale per la riforma della salute mentale.Come abbiamo detto troppo spesso – e troppo recentemente – offriamo le nostre più sentite condoglianze e il nostro sostegno a tutti coloro che sono stati colpiti da questo spregevole attacco e ribadiamo la nostra veemente condanna della violenza delle armi».

Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti d’America: «Ci sono state troppe sparatorie nelle scuole, troppe uccisioni di innocenti. La nostra fede cattolica ci chiama a pregare per coloro che sono morti e a fasciare le ferite degli altri, e noi uniamo le nostre preghiere a quelle della comunità di Uvalde e dell’arcivescovo Gustavo García-Siller. Nel farlo, ognuno di noi deve anche cercare nella propria anima i modi per fare di più per comprendere questa epidemia di male e violenza e implorare i nostri funzionari eletti di aiutarci ad agire».

https://www.riforma.it/it/articolo/2022/05/27/strage-texas-il-dolore-e-la-rabbia-delle-comunita-di-fede

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook