Uttar Pradesh, pastori arrestati con l’accusa di conversioni

Altri due casi istigati dai fondamentalisti indù per semplici raduni di preghiera a Varanasi e Lakhimpur. P. Pereira: “Il Bjp, partito al governo, vuole che le menti delle persone siano occupate da queste cose, per non vedere l’aumento dei prezzi, la corruzione, la mancanza di lavoro”.

Varanasi (AsiaNews) –  Nuovi arresti arbitrari di pastori cristiani in Uttar Pradesh, con l’accusa di “conversioni” avanzata dai fondamentalisti indù. A Varanasi è stato fermato il pastore Santosh Kanojia, dopo che la polizia ha registrato una denuncia contro suo padre Sabhajit Kanojia e un fedele identificato come Chhota. In un altro caso, nel distretto di Lakhimpur, nell’Uttar Pradesh, il pastore Mithlesh Kumar stava visitando una famiglia, quando alcuni abitanti del villaggio lo hanno denunciato e la polizia lo ha portato alla stazione di polizia di Phool Behad. Qui è stato anche lui trattenuto in custodia.

P. Vineet Vincent Pereira, sacerdote cristiano di Varanasi che si sta mobilitando per il rilascio, ha dichiarato ad AsiaNews: “Molti pastori sono perseguitati in Uttar Pradesh, alcuni sono stati fermati e arrestati, c’è molto disordine qui. I cristiani vengono incolpati semplicemente di condurre la preghiera. Per motivi politici, per istigare i fanatici, i gruppi fondamentalisti si comportano così. Il Bjp, partito al governo vuole che le menti delle persone siano occupate da queste cose, in modo da non sollevare i problemi principali come l’aumento dei prezzi, la corruzione, la mancanza di lavoro”.

https://www.asianews.it/notizie-it/Uttar-Pradesh,-pastori-arrestati-con-l’accusa-di-conversioni-56243.html

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook