Via la mascherina! La vita è più forte del Coronavirus

La vita va avanti e nasce ancora nonostante il Coronavirus. La foto che diventa virale del bambino appena nato e del suo medico.

E’ nato da poche ore ma è già una star. Il piccolo, anche se inconsapevolmente, tenta con le sue manine di strappare la mascherina al medico.

Il bambino che nasce: la vita oltre il Covid

La vita che va oltre il Coronavirus. Un momento di gioia e di felicità che si trasforma anche di speranza: un piccolo che strappa, inconsapevolmente, la mascherina al medico che è lì per assistere la sua mamma al parto. Un gesto di speranza sì, ma anche di voglia di andare avanti e di volersi lasciare alle spalle tutto questo nonostante tutto.

Vogliamo tutti un segno del fatto che presto toglieremo le mascherine” – ha scritto sui social proprio il Dottor Samer Cheaib, protagonista di questa foto insieme al piccolo. Una foto che, di sicuro, è da identificarsi come il simbolo di questo 2020, della speranza per il 2020.

Il bambino che strappa la mascherina al medico che l’ha fatto nascere

Il dottor Cheaib ha voluto pubblicare questa bella immagine come un vero e proprio messaggio, sia per scaldare il cuore, come a dire che gli ospedali, oggi, non sono solo luogo di sofferenza e di morte, ma soprattutto di vita, di una vita nuova che nasce. “Questo bambino era il secondo di una coppia di gemelli il cui parto è avvenuto un paio di settimane fa. Il padre, felice, mi stava fotografando mentre tenevo in braccio i bambini.

Il secondo ha tentato di strapparmi la mascherina e il papà ha sentito il bisogno di catturare questo momento” – ha confidato il medico.

Il medico: “Questo è un segno di speranza”

La positività e il sorriso lavoreranno per aumentare l’immunità delle persone e aiutare a combattere questa pandemia” – conclude il medico nel suo post.

E’ verissimo! La speranza nell’urlo di un bambino appena nato, ma soprattutto la speranza (nel suo gesto di strappare la mascherina) che, quanto prima, torneremo alla normalità che tanto ci manca.

 

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook