La chiesa non passerà attraverso la grande tribolazione

Ecco perché sono sempre più convinto che la Chiesa non passerà attraverso la Grande Tribolazione.

“Chi crede al rapimento post tribolazione solitamente adduce due motivazioni principali:

Il versetto di 2 Tessalonicesi 2:3, solitamente citato in risposta a 2 Tessalonicesi 2:7“Nessuno vi inganni in alcun modo; poiché quel giorno non verrà se prima non sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato, il figlio della perdizione,” e il riferimento al “suono dell’ultima tromba” in 1Corinzi 15:52.

“in un momento, in un batter d’occhio, al suono dell’ultima tromba. Perché la tromba squillerà, e i morti risusciteranno incorruttibili, e noi saremo trasformati.”

E’ importante sottolineare che la Bibbia è tutta ispirata da Dio, e che non ci sono versetti più importanti di altri e in grado di contraddirli: bisogna sempre considerare la somma della Parola di Dio, e in base a questo capire la realtà di una dottrina.

2 Tessalonicesi 2:7 dice: “Infatti il mistero dell’empietà è già in atto, soltanto c’è chi ora lo trattiene, finché sia tolto di mezzo.”

Significa che lo spirito dell’anticristo è già in azione, fin dai tempi di Paolo, ma c’è qualcosa che lo sta trattenendo. Questi non può essere che lo Spirito Santo, presente in tutti i veri credenti salvati per grazia, che sono la Chiesa.

L’Anticristo non potrà perciò agire liberamente, al massimo delle sue nefaste possibilità, finché ci sarà la Chiesa e lo Spirito Santo con lei: affermare che lo Spirito Santo possa essere tolto dal mondo senza che la Chiesa lo segua sarebbe come affermare che milioni di credenti si ritroveranno a vivere d’un tratto senza di Lui, il che è impensabile in quanto contrario alle promesse che Cristo ci ha fatto: saremmo infatti veramente orfani e senza più nemmeno il Consolatore.

2 Tessalonicesi 2:3 non contraddice il passo succitato, ma stabilisce il momento dal quale ogni credente può aspettarsi di essere rapito in qualunque momento, cioè quando sarà manifestato L’Anticristo. Questo non significa che l’Anticristo si mostrerà pubblicamente, ma semplicemente che è presente fisicamente sul mondo nell’attesa di prendere il potere.

Tenendo quindi conto di entrambi i versetti possiamo capire, senza troppe difficoltà, che il rapimento sarà esattamente tra il momento in cui l’anticristo è presente fisicamente e quello in cui comincerà a operare secondo le profezie di Apocalisse. Non ci è dato un momento preciso, che conosce solo Dio, ma un lasso di tempo ragionevolmente ampio da darci motivo di essere sempre all’erta”.

1 Corinzi 15:52 parla dell’ultima tromba, e in Apocalisse si nominano esattamente 7 trombe, e sarebbe comprensibile che si pensasse all’ultima delle 7 trombe, ma non è in realtà corretto: oltre ai passi di 2 Tessalonicesi già esaminati, bisogna tener conto del contesto in cui vengono nominate queste trombe. Paolo non sapeva nulla delle visioni di Apocalisse che aveva ricevuto Giovanni, e parlava perciò di una nota consuetudine presso gli eserciti, le carovane e qualunque grande spostamento di persone: suonare una tromba ogni volta che la comitiva doveva fermarci, e suonarla ancora per ripartire.

Il riferimento all’ultima tromba, perciò, sta semplicemente a significare che partiremo per l’ultima volta, e che dal luogo dove andremo non ripartiremo più, infatti non ci sarà una nuova tromba per farci ripartire”.
Mantovani Nathan

Chi trattiene l’Anticristo?

“E ora sapete quel che lo ritiene ond’egli sia manifestato a suo tempo. Soltanto v’è chi ora lo ritiene e lo riterrà finché sia tolto di mezzo” (2 Tessalonicesi 2:6-7).

Per facilitare il capire del versetto lo dividiamo in due parti.

[E ora sapete quel che lo ritiene ond’egli sia manifestato a suo tempo].

C’è una Persona, qualcosa che trattiene l’entrata dell’Anticristo, chi è o cosa sarà?

[soltanto v’è chi ora lo ritiene e lo riterrà finché sia tolto di mezzo].
Chi dovrà essere tolto di mezzo e smettere la Sua funzione di ostacolare nei confronti dell’uomo del peccato? O cosa sarà tolto di mezzo nell’ora che l’Anticristo otterrà libertà di movimento?

“L’arrivo dell’Anticristo sulla scena non dipenderà dalla sua volontà, ma sarà controllato da qualcun Altro. L’Anticristo vorrebbe manifestarsi prima, ma è limitato o trattenuto da un’altra Persona. Chi è Colui che attua la restrizione? Nel corso dei secoli sono state formulate tante congetture circa l’identità di Colui che ostacola l’Anticristo.

Si è ipotizzato che possa essere l’impero romano, la chiesa eccetera. A nostro avviso, però, Colui che attua la restrizione è lo Spirito Santo perché solo lo Spirito Santo può limitare o fermare la rivelazione dell’Anticristo e la sua entrata in scena prima del momento stabilito da Dio. Solo lo Spirito Santo, infatti, possiede l’onnipotenza, l’onniscienza e l’onnipresenza necessarie per controllare l’entrata in scena dell’Anticristo alla fine dei tempi. Qualsiasi altra forza può arginare il male, ma nessuno è in grado di trattenere l’Anticristo affinché sia “manifestato a suo tempo”. John G. Butler

Quindi, lo Spirito Santo che sarà allontanato, non sarà più il Consolatore, Avvocato, Difensore, Istitutore dell’unica Chiesa di Gesù Cristo, la quale sarà composta da fratelli e sorelle che hanno amato il Figlio di Dio, il quale li riscattò sulla croce del Calvario?

Per cui è ipotizzabile che lo Spirito Santo, insieme alla Chiesa, lasceranno insieme la terra per essere per sempre con Cristo Gesù. Fu Gesù Cristo ad affidare i Suoi fratelli nelle mani dello Spirito Santo, dicendo loro che non sarebbero mai stati orfani. Inoltre, chi pensa che molti Cristiani passano per tante sciagure, perdono la vita mentre quelli della Grande Tribolazione no, non sta tenendo conto che: coloro oggi che muoiono in Cristo sono consolati dallo Spirito Santo. Ci sono migliaia di esempi di persone che mentre muoiono cantano a Dio canti di giubilo. Questo perché in loro abita Cristo Gesù per mezzo dello Spirito Santo. Un esempio, fu Stefano, il suo corpo, la sua faccia erano pieni dello Spirito Santo. Egli non sentiva il dolore quando vide il cielo aperto è Gesù alla destra del Padre. E come Stefano, ogni figliuolo di Dio è consolato per mezzo dello Spirito Santo.

Come e da chi sarebbero consolati quelli che passeranno per la Grande Tribolazione se lo Spirito non c’è più in loro? Sarebbe scorretto oggi andare in giro a predicare dicendo che Gesù salva, che lo Spirito Santo consola, ma che resterebbero da soli qualora dovessero passare per la Grande Tribolazione!

Tuttavia ci sarà ancora speranza per chi rimarrà su questa terra, ma la salvezza non sarà più per fede ma per le proprie forze. Ed è qui che entra in gioco Israele che riconoscerà Gesù Cristo come il Messia promesso”.

Cosa succederebbe se la Chiesa non venisse rapita prima della Grande Tribolazione?

Dobbiamo partire dal presupposto che non possono coesistere l’Anticristo e lo Spirito Santo, quindi lo Spirito Santo con la venuta dell’Anticristo finisce il Suo mandato sulla terra. Per questo motivo, Colui che convince di peccato e che consola i cuori dei deboli, si ritira per dare spazio all’uomo del peccato e, di conseguenza, la Chiesa rimarrebbe orfana. Se un’anima accetta Gesù nel suo cuore due tre mesi prima della dipartita dello Spirito Santo, rimarrebbe anch’essa orfana, senza Cristo nel cuore perché Gesù è presente per mezzo dello Spirito Santo e rimarrebbe senza consolazione . Voi pensate che un Dio come il nostro farebbe questo? Ma chi si afferra all’idea che la Chiesa rimarrà durante la Grande Tribolazione, deve affermare senz’altro che chi trattiene l’Anticristo non sarà lo Spirito Santo. Bel coraggio di affermare che ci sia un’altro o altre cose che non sia Lo Spirito Santo con i Suoi attributi assoluti.

Ferrentino Francesco La Manna | Notiziecristiane.com
https://www.facebook.com/storiedifedevissute.blogspot.it