LA CHIAVE DEL CIELO È LA PREGHIERA

Se, in certi momenti, la nostra preghiera non sembra avere un effetto immediato, succede che in altri momenti apre direttamente le porte del cielo!   

Improvvisamente si fece dal cielo un suono come di vento impetuoso che soffia, e riempì tutta la casa dov’essi erano seduti.  Apparvero loro delle lingue come di fuoco che si dividevano e se ne posò una su ciascuno di loro.  Tutti furono riempiti di Spirito Santo e cominciarono a parlare in altre lingue, come lo Spirito dava loro di esprimersi” (Atti 2:2-4) 

Molte volte ho vissuto momenti in cui il cielo si è aperto. Il primo che ricordo è stato in un campo giovanile. Lì, il pastore Christian Lévy (il mio primo pastore) ci ha guidato in un tempo di preghiera alla ricerca dello Spirito Santo. Desideravo essere colmo di Spirito Santo e, perché no, parlare in lingue come nel libro degli Atti. Sapevo che i discepoli, nel’ alto solaio, erano stati riempiti di Spirito e volevo vivere la stessa esperienza per essere testimone: “Riceverete forza quando lo Spirito Santo verrà su di voi, e sarete miei testimoni…”. La pienezza dello Spirito, che alcuni chiamano il battesimo nello Spirito Santo, è una grazia, un favore e non un brevetto di santità celeste. Non ne fa un essere superiore e non dovrebbe mai portare all’arroganza spirituale. Caro amico, questa è un’esperienza che ti invito a vivere, se lo desideri. Credo che ogni figlio di Dio abbia ricevuto lo Spirito Santo. Lo Spirito Santo dimora già in voi da quando Cristo è diventato il vostro salvatore. Tu sei il tempio dello Spirito Santo (1 Corinzi 6:19).  

Credo che sia lo Spirito di Dio che ci porta al pentimento ma desidera agire ancora di più nella nostra vita e riempirci della sua presenza fino a farci traboccare. Questo perché possiamo essere testimoni della Buona Novella fino ai confini della terra. Ti lascio con queste parole di Gesù che troviamo in Giovanni 20:22 “alitò su di loro e continuò: Ricevete lo Spirito Santo“. 

Grazie di esistere 

Eric Célérier 

https://it.jesus.net/

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook