Giovane nordcoreana percorre 4.800 km per trovare la libertà di adorare Dio

Una giovane cristiana nordcoreana ha dovuto fare un viaggio di 3.828 chilometri quando aveva ancora 17 anni, lasciando la Corea del Nord, verso la sua libertà, perché voleva adorare Dio .

Sookyung Kang ha condiviso la sua storia di fede, rilevando che tutto è iniziato quando ha dovuto affrontare una scelta comune a molti cristiani nel corso della vita. Lasceresti la tua famiglia, la tua casa, la tua patria per adorare Dio, o rimarresti sotto la tirannia in Corea del Nord?

“Cosa dovrei fare, Dio? Voglio poter sognare. Voglio vivere la vita che ho scelto. Ma non voglio lasciare la mia famiglia. Che cosa dovrei fare? “Ha ricordato. ” Alla fine, ho scelto i miei sogni e la mia libertà .”

Kang viveva nella provincia di Ryanggang, in Corea del Nord, al confine settentrionale del Paese con la Cina. I nordcoreani al confine con la Cina ricorrono spesso al contrabbando di cibo, riferisce il New York Times. La battaglia costante contro la fame è il modo in cui il governo nordcoreano garantisce che le persone non pensino mai di essere libere, ha detto.

“Poiché non soddisfa i bisogni di base di cibo, sonno e sicurezza, il sistema ti costringe a concentrarti solo sul soddisfacimento di tali bisogni”, ha detto.

Il gruppo che più di tutti ha subito i soprusi e violenze  dal Partito comunista nordcoreano sono i cristiani, ha detto. Mentre il regime cerca di mantenere il controllo convincendo le persone che i loro leader sono degli dei temono le persone che non li adorano

Credo che il Vangelo porti la libertà a tutti, ma la Corea del Nord rifiuta la libertà e non consente alle persone di pensare liberamente” , ha affermato.

“Questo è un regime che teme la religione, che teme il cristianesimo”, ha detto al Christian Post Greg Scarlatoiu, direttore esecutivo del Comitato per i diritti umani della Corea del Nord.

“La metà settentrionale della Corea un tempo era il luogo di nascita della Chiesa presbiteriana coreana. Quando il regime di Kim prese il potere, il cristianesimo fu spazzato via con estremo pregiudizio. I nordcoreani devono partecipare a sessioni settimanali di formazione ideologica e credere che Kim Il Sung e Kim Jong Il siano eterni “.

Kang ha detto che l’arresto di suo zio, un missionario cristiano in Corea del Nord, è servito ad aprirgli gli occhi sulla dittatura nel Paese. Fu sorpreso a condividere il Vangelo e per questo imprigionato.

Nel 2011, Kang ha iniziato il suo viaggio. Ha attraversato il confine con la Cina e ha incontrato i membri della squadra di Liberty, che l’hanno aiutata a evitare la polizia e i trafficanti mentre si recava in Corea del Sud. Se i cinesi trovano i disertori nordcoreani, li catturano e vengono restituiti alla Corea del Nord per essere puniti. Quando Kang arrivò in Corea del Sud, finalmente celebrò la sua libertà di adorare Dio.

“ Ho potuto adorare e lodare come volevo in Corea del Sud. Ero molto grato per quella libertà. Il mio cuore era pieno di gratitudine “, ha detto. “Non credo di essere venuto in Corea del Sud senza uno scopo”.

Kang ha detto che intende proseguire gli studi universitari negli Stati Uniti in modo che quando la Corea del Nord si aprirà al mondo, potrà aiutare a ricostruire la sua nazione.

“Mi sto preparando per questo”, ha affermato Kang. “Questa è la mia visione. La libertà è esprimere la tua fede ”.

 

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook