2 donne ex musulmane diventano missionare e distribuiscono 20 mila Bibbie in Iran

Due donne iraniane che hanno abbandonato l’Islam e hanno abbracciato la fede cristiana sono state in grado di distribuire 20.000 Bibbie in Iran, nonostante le minacce che hanno ricevuto, hanno manifestato un amore per le anime perdute più di qualsiasi impedimento.

Maryam Rostampour e Marziyeh Amirizadeh hanno rivelato in un’intervista alla Chiesa HTB di Londra, in Inghilterra, che le autorità iraniane hanno proibito loro di condividere la loro fede cristiana, ma in tre anni sono riusciti lo stesso a distribuire segretamente 20.000 Bibbie nelle mani dei loro connazionali, oltre a contribuire ad organizzare chiese nelle case.

Quando sono state scoperte, le due missionarie sono state imprigionate per 259 giorni nella famosa prigione di Evin a Teheran, la capitale dell’Iran, un luogo in cui i prigionieri vengono torturati e dove le esecuzioni sono all’ordine del giorno.

Di fronte a interrogatori crudeli, persecuzioni e condanne a morte, Maria e Marziyeh hanno trasformato gli ambienti carcerari in chiese, portando i detenuti e persino le guardie stesse al evangelo.

Maryam parla del tempo in prigione: “Un giorno è stato come un anno. Alcuni giorni non riesci a respirare perché non sai cosa ti succederà il giorno successivo”.

Dopo il loro arresto nel 2009, furono trasferite in una cella per donne nella prigione di Evin, dove furono costrette a dormire sul pavimento in una stanza con altre 30-40 prigioniere.

Dicono che gli è stato negato il trattamento medico a causa della loro fede e che sono stati visti come “infedeli”. “Ci hanno trattati come animali”, afferma Marziyeh.

Maryam e Marziyeh trascorsero anche 40 giorni in un edificio utilizzato per gli interrogatori, dove furono ripetutamente invitate a negare la loro fede cristiana, mentre gli ufficiali chiesero i nomi delle persone che avevano frequentato la loro “chiesa in casa” e chiesero loro di firmare confessioni forzate.

Maryam e Marziyeh sono nate in famiglie musulmane, il loro incontro avvenne durante gli studi nel 2005 in Turchia, entrambe decisero di tornare in Iran per condividere il Vangelo, ma si ritrovarono con una severa restrizione governativa.

Nonostante le difficoltà, hanno iniziato un programma missionario. Nel corso dei due anni successivi, hanno distribuito il Nuovo Testamento a Teheran e in altre città.

Nel 2009, Maryam e Marziyeh furono arrestati a Teheran per aver promosso il cristianesimo, un crimine punito con la pena capitale in Iran, e imprigionato per otto mesi. Le accuse ufficiali che ricevettero furono l’apostasia, l’attività antigovernativa e la bestemmia per le quali furono condannati all’esecuzione per impiccagione.

Molti in tutto il mondo hanno pregato per la loro libertà e, a seguito delle pressioni internazionali, Maryam e Marziyeh sono state rilasciate nel 2009..

Considerano un onore aver sperimentato una piccola sofferenza per Cristo e per essere state imprigionate nel suo nome. Dopo il loro rilascio, sono emigrate negli Stati Uniti dove ancora oggi vivono.

Notiziecristiane.com

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook