Ciclone Idai, apocalisse biblica in Mozambico: città di Beira completamente distrutta, si temono 500.000 morti [FOTO e VIDEO]

Il Ciclone Idai ha devastato il Mozambico con una furia distruttiva spaventosa: la città di Beira completamente distrutta dalla rottura di una Diga, si temono 500 mila vittime.

Il Ciclone “Idai” ha investito in modo terribilmente violento il Mozambico: le notizie arrivano frammentarie, ma mentre il bilancio ufficiale delle vittime è salito ad oltre mille, lo scenario certificato dalle autorità del Paese e dai soccorritori internazionali sembra ben più pesante. La città di Beira, affacciata sulla costa orientale del Paese, è stata completamente distrutta dall’onda di piena provocata dalla rottura di una diga: le immagini mostrano case abbattute e il centro cittadino completamente allagato.

Probabilmente sarà impossibile conoscere il numero complessivo delle vittime, ma si teme che il bilancio possa essere uno dei peggiori della storia della Terra con 500.000 persone coinvolte. I soccorritori parlano di “disastro umanitario di proporzioni enormi“, mentre fiumi e mari continuano a restituire “corpi galleggianti“. Molti villaggi dell’entroterra sono stati completamente spazzati via, ma non ci sono ancora notizie sul numero delle vittime. Milioni di persone sono rimaste senza un’abitazione.

I fiumi Pungue e Buzi hanno rotto gli argini e dall’alto si vedono molti corpi che galleggiano“, ha detto ieri il presidente Filipe Nyusi, a Rádio Moçambique, dopo aver sorvolato le zone devastate dal ciclone. “Il governo continuerà a mobilitare i mezzi per il salvataggio delle persone e per fornire cibo e farmaci nei centri di accoglienza per i nostri concittadini – ha scritto Nyusi su Facebook – ribadisco il mio appello alla solidarietà nazionale, per restituire tranquillità e benessere ai nostri concittadini“.

La tempesta ha colpito in modo molto violento anche Zimbabwe e Malawi, dove le vittime sono centinaia.

Foto e Video

A cura di Peppe Caridi | meteoweb.eu

Ti è piaciuto l'articolo? Sostienici con un "Mi Piace" qui sotto nella nostra pagina Facebook per restare informato...